- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Crisi Ukraina. Il bue (Biden) dice cornuto all’asino (Putin)

Prendendo un vecchio, possiamo rappresentare plasticamente la situazione internazionale e la crisi tra USA e Russia giocata sulla pelle di ucraini ed europei.
La mucca (Biden) ben dotata di corna, accusa Putin (l’asino) di essere un criminale e dimentica  che almeno dal 1941 gli USA si sono macchiati di crimini contro l’umanità e immani disastri umanitari restando però impuniti. 
Il mondo li ha assolto dai loro crimini. Il mondo ha dimenticato lo sterminio dei nativi americani che sono statipresentati al mondo come i cattivi “invasi”. Loro non avevano diritto a difendere la propria terra come gli ukraini. Uno dei più grandi crimini contro l’umanità della storia è passato nell’oblio perché i criminali erano cittadini europei invasori, soprattutto inglesi e francesi,  e le vittime soltanto selvaggi.
Il mondo ha dimenticato l’uccisione pianificata con cinismo dal governo Truman nel 1945, di più di 180 mila civili a Nagasaki e Hiroshima. Un tragedia che ancora oggi il popolo giapponese porta i segni della sofferenza.
Il mondo ha dimenticato il Vietnam con oltre 400 mila civili uccisi, l’Afghanistan con oltre 100 mila , l’Iraq oltre 150 mila, la Libia, l’ex Yugolasvia dove la NATO oltre agli obiettivi militari,  colpì anche quelli civili:  case, ospedali, scuole, edifici pubblici e culturali, e causando oltre 2500 vittime civili in oltre 78 giorni di bombardamento su Belgrado.
Il mondo dimentica, o fa finta di non vedere, le operazioni militari  “coperte” in Sud America e in Africa.
Dimentica  il mondo che gli USA , con la loro longa manu chiamata NATO, hanno  colonizzato tutta l’Europa e schierato i suoi missili con testate atomiche anche in Italia, e oggi non si accorgono che l’amministrazione Biden ha messo il cappio al collo ai paesi europei.
Con la NATO li domina militarmente, con il gas e il pretrolio li domina anche finanziariamente.
L’Europa parla di democrazia e libertà, ma accetta di essere partner – minoritario e obbediente – di uno stato il cui governo (non i suoi cittadini) è colpevole di gravi e persistenti crimini contro l’umanità.
Oggi il mondo, e Biden, chiamano Putin un criminale.
Potere della disinformazione e della “scarsissima” conoscenza della storia da parte dei popoli.
Gli USA vogliono essere il padrone del mondo e la Russia deve essere ridotta al silenzio.
L’Ucraina, o meglio i cittadini ucraini, sono oggi gli agnelli sacrificali per raggiungere il doppio scopo. Rinchiudere in un cantuccio la Russia e sottomettere economicamente e finanziariamente l’Europa dopo averla già sottomessa militarmente da decenni con la sua longa manu che risponde al nome di  NATO,  è il progetto del nuovo ordine mondiale secondo gli USA .
Se Putin è un criminale lo dirà il tempo, ma alcuni presidenti degli Stati Uniti possono definirsi colpevoli di crimini contro l’umanità. I fatti lo dimostrano e a storia li inchioda alle loro responsabilità
Oggi Biden, che sembra non voler proprio la pace ,definisce Putin “macellaio” e   avverte il mondo che la sua politica atomica è cambiata. Oggi si afferma il “first strike“.
Ovvero, colpire con il nucleare per primo.
Parafrasando Forrest Gump, criminale è chi il criminale fa.

Ms