- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Afganistan. Ahmad Masʿūd chiama alla lotta contro i talebani

Ahmad Masʿūd

Amici della libertà, combattete al nostro fianco”  è la chiamata alle armi e alla sollevazione contro i talebani di Ahmad Masʿūd, el figlio di Amad Shāh Masʿūd, eroe nazionale afghano noto come il Leone del Panjshir.

Popolo afghano, Mujaheddin, amici della libertà in ogni parte nel mondo!

La tirannia trionfa in Afghanistan. La schiavitù si instaura nel chiasso e nel furore. Una odiosa vendetta ricadrà sul nostro paese martire. Kabul già geme.

Amad Shāh Masʿūd

La nostra patria è in catene. Tutto è perduto? No. Ho ricevuto in eredità da mio padre, l’eroe nazionale e Comandante Masʿūd, la sua battaglia per la libertà degli afghani.

Ormai la sua guerra è la mia. Con i miei compagni d’armi daremo il nostro sangue, insieme a tutti gli afghani liberi che rifiutano la schiavitù e ai quali chiedo di raggiungermi nella nostra roccaforte del Panshir, l’ultima regione libera nel nostro paese in agonia.

Mi rivolgo a voi, afghani di tutte le regioni e di tutte le tribù invitandovi ad unirvi a noi. Mi rivolgo a voi, afghani aldilà delle frontiere che avete a cuore l’Afghanistan, per dirvi che avete dei compatrioti qui nel Panshir, dove mi trovo ancora una volta, che non hanno perso le speranze. Mi rivolgo a voi tutti, in Francia, Europa, America, nel mondo arabo, altrove, voi che ci avete aiutati tanto nella nostra lotta per la libertà contro i sovietici e 20 anni dopo contro i Talebani: cari amici della libertà, ci aiuterete ancora una volta come in passato? La nostra fiducia in voi, nonostante il tradimento di alcuni, è grande.

Afghani, ci troviamo nella stessa situazione in cui era l’Europa nel 1940. Ad eccezione del Panshir, la sconfitta è totale e il collaborazionismo con i Talebani inizia a serpeggiare tra chi è stato sconfitto, tra chi ha perso questa guerra per causa loro. Restiamo soli a resistere.

Non cederemo mai. Ho citato Winston Churchill a un amico scrittore francese, promettendo sangue, fatica, lacrime e sudore. Oggi ho pensato a cosa disse il Generale De Gaulle dopo la rotta dell’esercito francese: la Francia ha perso una battaglia, non la guerra.

Noi afghani non abbiamo davvero perso la guerra perché Kabul non è sconfitta. Noi combattenti, giovani e vecchi Mujaheddin, qui nel Panshir, abbiamo ripreso le armi. Raggiungeteci, spiritualmente o sostenendoci direttamente.

Amici della libertà, siate più numerosi possibile al nostro fianco. Scriveremo insieme una nuova pagina della storia dell’Afghanistan. Sarà un nuovo capitolo dell’eterna resistenza degli oppressi contro la tirannia. Con l’aiuto di Dio, vinceremo.
___________

Nota del Direttore Michele Santoro

E’ auspicabile che USA e i paesi che hanno tradito vilmente il popolo afghano, vogliano ora fornire a Ahmad Massod, armi e munizioni per combattere contro gli studenti coranici. Fatti non parole.  Salvare le donne e l’Afghanistan dal ritorno alla legge coranica.
Solo così USA,Italia e i paesi partecipanti alla “vile” coalizione potrebbero pensare di chiedere perdono agli afghani per il loro tradimento.