- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Beirut. Stretta degli USA su Hezbollah

Hassan Nasrallah – capo di Hezbollah

Mentre taluni stati europei, Italia compresa, fanno ancora distinzione tra braccio armato di Hezbollah considerato gruppo terroristico, e l’ala politica governativa considerata alla stregua di un normalissimo partito politico, gli Stati Uniti continuano in solitario la loro azione contro i terroristi e di chi gravita nell’orbita del gruppo sciita, armato, addestrato e finanziato dall’Iran in funzioone anti Israele. Giusto ieri hanno deciso di imporre a un funzionario di Hezbollah e a due società con sede in Libano accusate di essere legate al gruppo sostenuto dall’Iran. Con loro, nella lista è stato inserito anche il sultano Khalifah As’ad alto funzionario del Consiglio esecutivo di Hezbollah.

Il Ministero del Tesoro  ha rilasciato una nota dove si legge che sono stati inseriti nella “black list” la Arch Consulting e Meamar Consruction,  due società accusate di essere  secondo gli USA il tramite per trasferire fondi del gruppo a favore dei leader di Hezbollah.

Secondo il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin, ma è cosa nota,  Hezbollah sfrutta l’economia libanese sfruttando compiacenti e corrotti funzionari libanesi, così da agevolare l’assegnazione alle due società contratti governativi, ovviamente, per scopi che nulla hanno a che fare con lo sviluppo del paese.

Con l’inserimento nella lista nera, tutti i beni detenuti in USA dalle due società e dallo sceicco, sono congelati e sono previste sanzioni a carico di chi, anche statunitense, dovesse operare il loro favore.

La mossa di giovedì, che sarà probabilmente seguita da altre azioni contro il gruppo terroristico, segue l’inserimento nella Black List di  due ex ministri del governo libanese.

Purtroppo, sotto l’ombrello protettivo di UNIFIL che fa fallito conpletamente i suoi compiti,   e che è senza ombra di dubbio funzionale agli interessi economici dei terroristi, Hezbollah è divenuto un potente soggetto militare e tiene sotto scacco un intero paese che paga una grave crisi economica e sociale.