- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Tempi duri per  gli evasori parziali e totali. Affidato il servizio riscossione a società di recupero crediti

A Marsala come ormai noto, l’evasione dei tributi, delle tasse e dei servizi, supera il 40% del totale dei cittadini. Tutto ciò ovviamente, oltre che causare danni alla città, causa un aumento dei costi per quei cittadini che pagano regolarmente tasse e tributi.
Per tasse e tributi l’importo si aggira sui 31 milioni di euro mentre solo per il servizio acquedotto  l’evasione complessiva, dopo la prima operazione di recupero del 2019, si aggira sugli undici milioni di euro.
A questo si aggiungono oltre 1500 nuclei familiari composti da 4/5 persone per un totale di circa seimila utenti evasori totali “sconosciuti” fino a qualche giorno fa all’Amministrazione per una evasione complessiva di circa 5 milioni di euro comprensivi degli arretrati..
Negli anni Marsala ha accumulato un credito per tasse e servizi non pagati dai cittadini per un importo che supera i quaranta milioni di euro ed in totale circa 45/50 milioni che per un comune il cui bilancio annuale si aggira sui 130 milioni di euro, è certamente un grave vulnus.
Ora, fallito il recupero con Sicilia Riscossione, il recupero “coatto” delle somme è stato affidato, dopo apposito bando,  ad una società di recupero crediti che potrà agire anche giudizialmente nei confronti degli evasori. Si conta di recuperare così l’ingente evasione a costi di molto inferiori di quelli sostenuti con Riscossione Sicilia e ciò perché la società riscuote l’importo pattuito “solo a recupero” effettuato.
Per la TARI, come anticipato dall’Assessore Agostino Licari, gli uffici dopo mesi di lavoro e incrociando i dati, sono riusciti ad individuare oltre 1500 evasori totali che fra non molto si vedranno arrivare il conto con tanto di arretrati .
Insomma, le premesse ci sono tutte ed è prevedibile che nel giro di qualche mese a Marsala quei  cittadini “evasori” parziali e totali, che hanno fatto i furbi per anni, giocoforza dovranno mettere mano al portafogli e pagare il dovuto.
Ne gioveranno le casse comunale e  quei cittadini onesti che hanno sempre pagato.