- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. La strana storia delle mascherine cinesi

In sintesi. Il Sindaco chiede aiuto all’Ambasciata cinese che non risponde ma entra in scena una ditta privata. Quindi cita il gemellaggio con Ji’An che nulla ha a che fare con i fatti e non chiarisce se al Signor Guo ha fatto un ordine o solo una richiesta di transazione.

Una strana storia difficile da inquadrare. Secondo il comunicato dell’Amministrazione, il Sindaco Alberto Di Girolamo ha chiesto alla rappresentanza della repubblica Popolare Cinese a Roma, un supporto per reperire mascherine e di sistemi di protezione contro il contagio.  Una richiesta strana fatta in virtù dell’amicizia e del gemellaggio che lega Marsala con la città cinese di Ji’An,  da taluni indicata “confinante con la Corea” ma che in realtà si trova nella parte della Cina sud orientale, che come tutte le operazioni di questo tipo si è rivelato solo un  momento di goliardia istituzionale per  la delegazione che vi si è recata.
Le solite grandi parole per giustificare una spesa inutile. Ma tant’è, questo è l’andazzo.
Ritornando alle mascherine, non sembra che l’Ambasciata abbia dato corso alla richiesta e questo emerge dal fatto riferitoci dall’Ufficio Stampa del Comune . Infatti abbiamo appreso che nel corso di un pranzo organizzato dalla comunità cinese di Palermo durante nel mese di Gennaio, a cui ha partecipato l’assessore Passalacqua, il signor Michael Guo, presidente della Società BESKE di Shanghai, ha dato la sua disponibilità per far arrivare in città i dispositivi  che il Sindaco stava cercando di reperire a condizione di ricevere dall’Amministrazione comunale un formale richiesta in tal senso. Lettera che secondo quanto abbiamo appreso sarebbe stata inviata a Guo, nel mese di marzo 2020. Sic.
Finalmente queste mascherine del tipo chirurgico, all’origine 0,08 cent/pezzo, per un costo complessivo di circa mille euro arrivano e il sindaco fa il suo bravo comunicato.
Strano modo di informare quello del Sindaco.Ma poi, se l’emergenza veniva gestita dalla Regione quale la ratio del suo intervento addirittura verso un paese straniero?
Stranezze marsalesi.