- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

MARSALA. Il M5S chiede chiarezza sui beneficiari dei buoni spesa

Il consigliere Aldo Rodriguez , del Movimento 5 Stelle, con una lettera inviata al Dirigente dei Servizi alla Persona, Dr. Nicola FIOCCA e per conoscenza al Segretario Generale del Comune, al Questore e al Prefetto di Trapani, ha chiesto, al  fine di tutelare gli uffici da qualsivoglia ingerenza esterna, di  dare trasparenza a tutte le procedure che sono state attuate per individuare i soggetti bisognosi di tale assistenza.
Rodriguez ritiene che la particolare situazione in cui si trova il paese a causa dell’emergenza,  il diritto alla privacy potrebbe essere in contrasto con l’obbligo di trasparenza cui sono soggetti gli enti pubblici.
La questione sollevata non appare peregrina anche in considerazione che l’attività di distribuzione dei pacchi viveri non sembra sia stata attuata in armonia alle disposizioni di legge e con un nostro articolo (vedi  http://www.osservatorio-sicilia.it/2020/06/01/marsala-dubbi-di-legittimita-sullaccordo-comune-fondazione-per-la-distribuzione-pacchi-alimentari/ [1]) abbiamo sollevato  sul metodo attuato dal Sindaco e  l’ipotesi che ci si possa trovare innanzi ad un danno erariale visto che soldi pubblici vanno gestiti da una associazione/fondazione privata.
Fin qui sono stati trasferiti sul conto corrente della Fondazione “prescelta” , 75 mila euro.
Ma la questione diventerà molto più compliecata quando arriveranno i 492 milioni di euro che dovrebbero arrivare dalla Regione Siciliana. Fondi che sembrano già stanziati.
Il sindaco fin qui non ha risposto e non ci ha ancora detto in base a quale considerazione non ha ritenuto di attivare, non solo convocare per un solo giorno, il COC , ma sopratutto,  perchè ha “scelto” la Fondazione San Vito e non ha ritenuto di pubblicare un bando pubblico.
Come si pensa di far gestire ad una associazione/fondazione privata i fondi pubblici e come mai si fa pubblicità, seppure sociale per una singola associazione del terzo settore, discriminando così tutte quelle associazioni del terzo settore iscritti all’Albo Comunale.