- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

COVID19- Decessi per coronavirus. Chi mente ? E se mente, perché ? Chi spinge al suicidio l’Italia?

Tre domande che poniamo al Presidente della Repubblica e al Procuratore Capo della Repubblica di Roma.
Da girano su internet  notizie che riportano, seppur senza un valido raffronto,  dati di decessi in Italia in media o addirittura inferiore negli anni scorsi e riferiti al periodo 1° Gennaio 7 30 Aprile.
Notizie bollate come fake news tanto da fa intervenire il noto sito www.butac.it [1] che si occupa di smascherare le false notizie (bufale) che purtroppo  hanno facile diffusione sul web.
Ora, senza  nulla togliere al meritorio lavoro dei ragazzi di Butac, questa volta la notizia che i decessi sono
in linea se non inferiori agli anni scorsi, la riporta, confrontando i dati ufficiali di ISTAT, addirittura un giornale nazionale, il Sole24Ore,  quotidiano di Confindustria che nessuno può accusare di poca serietà e di  pubblicare false notizie.
Di una cosa possiamo essere certi. Qualcosa sfugge ad ogni logica ed è chiaro che il massiccio bombardamento quotidiano di messaggi istituzionali e dei media, hanno praticamente azzerato nei cittadini la facoltà del libero pensare e del discernimento. E’ stata inculcata nei cittadini la paura del virus e dei contagi e fatto emergere con prepotenza quei sentimenti sopiti dell’invidia e della delazione che molti pensavo essere sentimenti del passato.
Uno stato di subordinazione mentale associato ad uno stato di polizia, voluto ed imposto dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte,  in aperta e grave violazione della Costituzione.
Ancora più evidente appare l’anomalia della situazione quando si assiste all’attacco concentrico contro la Lombardia per presunte omissioni o errori, quando l’intera Italia paga, ormai lo ripetono tutti giornali, politici ed esperti, errori e ritardi nazionali. Facile ricordare le affermazioni di Conte che invitatava alla calma e a non fare allarmismo e che l’Italia si poteva visitare con tutta tranquilloità e che la possibilità cheil virus giungesse in Italia era  “remota“.
Ciò che appare incomprensibile è il  silenzio e il mancato “stop” del Presidente delle Repubblica agli atti incostituzionali del presidente del consiglio.  Perchè se è vero che il Quirinale non ha poteri di intervento sul DPCM, è anche vero che il presidente della Repubblica può e dovrebbe intervenire per censurarlo. Altriment viene codificato che qualsiasi sia il presidente del consiglio, questi, con un semplice DPCM possa scavalvcare la Costituzione e il diritto.

Sabino Cassese è un Sabino Cassese – Giurista e accademico e giudice emerito della Corte costituzionale.

Unica voce che si è sollevata è quella del Prof. Sabino Cassese che ha definito i decreti di Conte, “frutto di poteri illegittimi” .
Conte si è attribuito di fatto poteri  e scavalcando la Presidenza della Repubblica e il Parlamento compiendo di fatto, afferma Cassese “un mezzo colpo di stato”.  (https://www.italiaoggi.it/news/sabino-cassese-il-giurista-che-sussurra-consigli-al-quirinale-fa-a-pezzi-i-decreti-di-conte-definiti-2439704 [2])
La premessa era necessaria alla luce dei pubblicati dal quotidiano economico Il Sole 24Ore sulle cui pagine
di ieri 17 Aprile, è pubblicato un articolo a firma di Paolo Becchi, Ordinario di Filosofia e Diritto all’Università di Genova e Giovanni Tribordi, Trader e Consulente Manageriale e Finanziario, che in poche parole smonta il castello ricostruito dalla protezione civile.
Si legge “In Italia si assume che questo “total lockdown” stile Wuhan sia giustificato data la mortalità triplicata o quadruplicata a Bergamo, Brescia, Piacenza, Pavia e altre province del Nord nel mese di marzo rispetto agli anni precedenti e si possono leggere articoli che citano “14mila morti in più” o anche, come fala Stampa”, ad es. “63 mila morti in più” (da quando è iniziato il conteggio del Covid).In Italia siamo circa in 60 milioni, abbiamo 650 mila decessi l’anno e circa 230 mila decessi nel periodo gennaio-aprile e quest’anno, in base ai dati Istat, non si riscontra un aumento complessivo di mortalità rispetto agli anni precedenti.

Nessuno ovviamente nega che in Lombardia, a Piacenza, in diverse province del Veneto e in Piemonte o persino a Genova si verifichi un picco drammatico di decessi rispetto agli anni precedenti, ma quando parliamo della mortalità complessiva nel nostro paese, le cause dei decessi sono diverse, le province afflitte dai casi di Covid hanno un 20% della popolazione e questo inverno, come hanno notato diversi report (ad es di Bloomberg il 6 aprile) c’erano meno morti del solito. Se ci limitiamo a rilevare allora i dati dei decessi nazionali da inizio anno vediamo che, per gli anni precedenti, l’Istat fornisce un totale, dei primi 4 mesi dell’anno di 231 mila morti (arrotondando alle migliaia), parliamo di tutti i morti dal 1 gennaio al 30 aprile in tutta Italia (vedi https://www.istat.it/it/files//2020/03/Tavola-sintetica-decessi.xlsx).

Quest’anno, alla data dell’ultimo aggiornamento del 13 aprile, siamo arrivati a 191 mila decessi (vedi https://www.italiaora.org/). Per fare un confronto dobbiamo allora stimare quanti saranno allora i decessi nell’aprile 2020 per il quale abbiamo i dati fino al 13 aprile. Dato che ad esempio il 13 aprile ci sono stati 1,457 decessi, stimiamo il totale dei decessi per il resto del mese di aprile come 1,457 X 17 giorni = 25 mila decessi (arrotondando alle migliaia). Se allora sommiamo ai 191mila decessi alla data del 13 aprile (partendo dal 1 gennaio), la stima di altri 25 mila decessi nel resto del mese di aprile, ottengo 216mila decessi nei primi 4 mesi del 2020 in Italia complessivamente. Dato che la media degli anni precedenti è di 231 mila decessi (sempre nei primi 4 mesi dell’anno), si avrebbe che nel 2020 si stanno verificando meno decessi (circa 15 o 16 mila in meno)”.

A questo punto riteniamo che gli italiani debbano conoscere la verità e devono essere tutelati da quelle istituzioni che la Costituzione “riconosce” come baluardi della democrazia e del rispetto dei diritti costituzionali dei cittadini.
E chi se non il Presidente della Repubblica e il Procuratore Capo della Repubblica di Roma?

Michele Santoro

 

Articolo de Il Sole24Ore :
https://www.ilsole24ore.com/art/siamo-l-unico-paese-mondo-che-sta-distruggendo-sua-economia-e-sua-cultura-causa-virus-ADemZwK?fbclid=IwAR21rAb8OYCzMZ6imGdx3ZhthOUnvzbAZp_AvYQVl8tG1SRqAezop1nyTbY [3]