- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

COVID-19. In Israele bonus autonomi €2700 e € 130 per ogni figlio minore

Benjamin Netanyahu –
Primo Ministro d’Israele

Il Coronavirus nella sua tragicità, sta facendo scoprire chi sono e dove governano gli statisti e chi sono e dove purtroppo, governano politici arrivisti e incapaci.
In USA, il tanto criticato presidente Trump ha immediatamente messo in moto un vera e poderosa macchina di assistenza medica anche a chi è senza assicurazione, prevedendo aiuti ad aziende e famiglie certi ed esigibili, ed un piano di aiuti di mille miliardi di dollari.
In Israele, il PM  Netanyahu, anche lui tanto criticato e perseguito da certa magistratura sinistra, come è più di Trump, il 1° Aprile ha annunciato che il 12 aprile (non dal 12 …) ogni famiglia riceverà, direttamente sul proprio conto corrente, la somma di 500 Shekel , l’equivalente di 130 euro per ogni figlio minorenne. Bonus esteso ad anziani e disabili.
Inoltre, ai lavoratori autonomi, andrà un bonus di circa 2700 euro che saranno erogati nei prossimi giorni.
Insomma, un governo, un Primo Ministro che decide per il bene del proprio paese.
E in Italia?  oltre al bla bla bla di Conte, che pensa di essere uno statitstia ma che continua a sottomettersi ai capricci di di Macron e della Merkel e alla “disposizioni” dei paesi come l’Olanda che poco o nulla hanno intenzione di cedere, di concreto c’è la rabbia della gente che è costretta a subire una politica arruffona e incapace che arriva al punto di far bloccare i famosi 600 euro ai professionisti, ma sopratutto, dover subire la beffa di un governo che non ha previsto alcun reale contributo alle famiglie, limitandosi ad attivare un fondo per “aiuti alimentari”. La solita carità governativa che considera i cittadini non popolo sovrano, ma schiavi senza diritti.
Ieri si è appreso che il nostro bravo ministro per le finanze ha accettato, lui dice concordato, che sia il MES, il famoso e tanto discusso meccanismo salva stati (?), che sarà , dicono,  senza condizioni per gli aiuti diretti al settore sanitario. Già, ma il problema  oggi non è l’aiuto sanitario che l’Italia ha bisogno, quanto un serioe concreto aiuto economico per rimettere in sesto l’economia e l’industria.
E il movimento 5 Stelle che da sempre ha gridato contro il MEs, oggi che fa ?  Cambierà opinione come ha sempre fatto dal momento che è al governo del paese.
Ms