- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

COVID-19 Giuseppe Conte, la fine del diritto e della Costituzione : l’impunità  

La fine del diritto e della Costituzione nel silenzio del Quirinale

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in questi ultimi due mesi è intervenuto per il consueto discorso presidenziale al fine di ricordare agli italiani quanto grave sia il momento, quanto bravi siano gli italiani e non ultimo, per ringraziare quanti si stiano adoperando negli ospedali per combattere in virus.
Tuttavia, Sergio Mattarella così come tutta la politica e tutte le istituzioni rimangono silenti davanti alla catastrofe che sta colpendo l’Italia e alla palese e grave violazione del diritto e del dettato  costituzionale che ha avuto il suo inizio il 22 Marzo con il DPCM con cui si violano i diritti inviolabili dei cittadini e che incredibilmente, sempre nel silenzio generale,  viene confermato nei suoi contenuti con un altro  DPCM il 1° Aprile.
Nessuno ha eccepito. Nessuno ha chiesto il ritiro del DPCM e l’emanazione di un D.L., come prevede la Costituzione, considerato che la libertà di circolazione dei cittadini può essere limitata solo con una legge dello stato. Quale se non un Decreto Legge , che ha valore di legge, vista l’emergenza?
E questo fa sorgere una domanda: chi è Giuseppe Conte, sbeffeggiato a Strasburgo nel 2019 e definito “il burattino di Di Maio e Salvini”,  che oggi,  con un atto amministrativo viola i diritti costituzionali dei cittadini senza che alcuna voce si alzi per la democrazia ?
Arrivato in punta di piedi a Palazzo Chigi, oggi, seppur flebilmente contestato dall’opposizione per mezzo di alcuni quotidiani di tendenza, nessuno gli contesta la violazione della Costituzione e dei diritti dei cittadini costituzionalmente tutelati. Rimane silente anche chi, come il Presidente della Repubblica, ha il dovere di imporre il rispetto del diritto e del dettato costituzionale.
Invece il silenzio. Un silenzio colpevole che sta provocando più danni del virus perchè sta avvallando un comportamento che pone le basi per la fine del diritto e della democrazia parlamentare in Italia. È notizia di qualche giorno fa che alla 4^ Commissione del Senato qualche manina abbia inserito nelle raccomandazioni da inviare al Governo, la proposta di “prevedere l’impunità” per i vertici militari.
Scrivemmo nel nostro articolo come tale proposta non fosse altro che un escamotage per poter proseguire verso l’impunità della politica.  :  COVID -19 . Il Senato chiede l’impunità per i vertici miliari” http://www.osservatorio-sicilia.it/2020/03/27/covid-19-il-senato-chiede-impunita-per-i-vertici-militari/ [1]

E come aprire ad una possibile  norma a favore della politica se non chiedendo l’impunità dei vertici militari?
Facili profeti. Puntualmente il senatore Andrea Marcucci (PD), presenta un emendamento per inserire nel Decreto Legge del 17 Marzo, definito Cura Italia, in discussione al Parlamento per la sua conversione in legge, una sorta di impunità penale, civile, amministrativa ed erariale di tutti i protagonisti di questa vicenda, con l’aggiunta di interessi a che eventuali inchieste possano richiedere anche il patrocinio gratuito a carico dello stato.
Riepilogando, richiesta di impunità civile, penale, amministrativa ed erariale in prima battuta per i vertici militari, da estendere agli  amministratori e dirigenti, per arrivare al vero obiettivo: impunità per i vertici governativi.

È il modo italiano per rendere “agrodolce” la pillola agli italiani.
Tutto ciò, però, ci dà l’idea di come nel nostro paese nulla vada fatto per caso. Tutto ha uno scopo.
È evidente però, che qualcuno si sta rendendo conto che finita la paura e, usciti dal torpore, molti  potrebbero essere chiamati a rispondere delle loro colpe, vere o presunte davanti ad un tribunale. Lo stesso Presidente del Consiglio potrebbe essere chiamato, tra l’altro, a rispondere della violazione della Carta Costituzionale e per aver imposto la limitazione della libertà personale con semplice DPCM.
Il torpore che ha avvolto tutti in Italia favorirà anche questa vergogna ?
Ms