- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Vergognoso degrado ed incuria degli uffici comunali.  

Porta con firma dell’Assessore … (almeno così ci viene riferito)

Gli uffici comunali sono per certi aspetti lo specchio dell’efficienza di una amministrazione.
Non entrando nella questione inerente all’efficienza degli uffici, vale soffermarsi, come esempio di funzionalità dell’Amministrazione comunale di Marsala, del modo in cui vengono tenuti gli uffici pubblici e quale considerazione ha questa nei confronti del personale che vi opera. Non è raro vedere in strutture comunali degrado e scarsa manutenzione che non si evidenziano la Palazzo principale dove apparentemente manutenzione e pulizia sembrano presenti.
Ma appena ci si muove nelle strutture periferiche la musica cambia.
All’Autoparco comunale i capannoni sono inutilizzabili da anni perché non a norma e quindi pericolosi anche se il personale li usa per parcheggiare l’auto privata.
Una questione che si trascina da anni anche se sembrerebbe che ci sia un progetto per la messa in sicurezza.
Ma la situazione di maggiore degrado si evidenzia nell’ex scuola della Contrada Amabilina dove sono presenti il SUAP e gli uffici dell’acquedotto comunale.
Qui, basta entrare nell’area per notare come il selciato sia completamente distrutto, la palestra è praticamente distrutta e piena di guano di piccioni e colombi, oltre la recinzione persiste da almeno un decennio un ovile privato realizzato nel parco giochi comunale.
Avventurandosi tra gli uffici del SUAP si può notare come gli stessi dopo un decennio siano ancora allo stato precario.
La manutenzione poi appare solo un modo di dire. Alcune porte degli uffici, specie quelli del SUAP,  si presentano in uno degrado vergognoso e denotano scarso interesse da parte dei responsabili e poco rispetto nei confronti dei cittadini.
In questa situazione sono costretti a lavorare i dipendenti nella quasi totale disattenzione di chi, politica e dirigenti, hanno di dovere di intervenire per la buona conservazione del bene pubblico.
E il Sindaco ? l’Assessore di riferimento che secondo quanto ci viene riferito avrebbe ironicamente messo la sua firma sulla porta distrutta ? Il dirigente?
Si attendono risposte.