- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Crisi di Governo. Conte, il “Bello addormentato” …

Ieri al Senato della Repubblica è andata in scienza una commedia melodrammatica che in taluni momenti è apparsa una farsa.
Il Presidente del Consiglio Conte, celebrato dai suoi pentastellati come il miglio presidente del consiglio degli ultimi trent’anni,  non ha fatto come era in agenda delle comunicazioni all’assemblea, ha solo speso oltre metà del suo tempo ad attaccare pesantemente il suo Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Interni,  e per la seconda parte, senza un minimo di autocritica politica sul suo operato, ha presentato “a chi ci sta” il suo programma politico per un reincarico che appare quantomeno difficile divenire realtà.

Conte ci ha detto chiaramente che si è svegliato giorno 8 Agosto ed ha realizzato che per 14 mesi ha vissuto accanto ad un pericoloso politico, avallato ogni passaggio politico da questi richiesto e approvato tutti i provvedimenti cari a Salvini.

Quindi per 14 mesi questo signore, a suo dire rispettoso delle istituzioni, per ben 14 mesi è stato alleato silente di un Salvini da lui stesso definito , pericoloso, irrispettoso delle istituzioni, carente di cultura costituzionale,  privo di coraggio e autoritario. Tutto ciò lo avrebbe realizzato e messo in piazza “solo” quando il pericoloso Salvini ha messo nero su bianco la sfiducia.

E’ quindi logico ritenere che se Salvini non avesse aperto la crisi, il Prof. Conte, rispettoso delle istituzioni, avrebbe tranquillamente continuato a sedere nella comoda poltrona di Palazzo Chigi senza battere ciglio e continuato a governare con un pericoloso e autoritario ministro per gli interni.

A questo punto sovvengono spontanee  due domande : prof. Conte, ma lei in questi 14 mesi è stato “il bello addormentato” ?

Crede forse che gli italiani siano così stupidi da bersi in un sol sorso le sue dichiarazioni?