- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Sicilia. In arrivo la sanatoria per l’abusivismo “indispensabile”?

Non c’è verso in Sicilia di rispettare la legge in tema di edilizia e di tutela dell’ambiente e del territorio. E’ andato via Crocetta ed ecco che il governo Musumeci comincia a discutere di sanatorie e sembra che , secondo l’assessore Cordaro, assessore al Territorio e l’Ambiente della Regione siciliana , la questione abbia una certa priorità di un ddl.
Secondo Cordaro, è necessaria una rivisitazione complessiva delle norme anche in tema di abusivismo edilizio “per il quale è necessario predisporre un disegno di legge condiviso e di buonsenso redatto in collaborazione con autorità giudiziarie, tecnici, commissioni competenti per porre fine a una piaga da troppo tempo aperta”.

Cosa poi significhi per Cordaro “indispensabilità” dell’abuso edilizio è tutto da capire. O meglio, sembra di capire che chiunque costruisce in violazione delle norme di legge in materia di urbanismo e tutela del territorio e l’ambiente, e poi vi abita, allora questo potrebbe essere un abuso “indispensabile”.
Tradotto non in politichese, una sanatoria mascherata e pericolosa per il futuro  perché così si modifica il diritto e si dà il via libera a costruzioni indispensabili su tutto il territorio con notevoli danni di impatto ambientale e urbanistico.

Secondo Cordaro  la  “piaga dell’abusivismo edilizio che, pur restando un reato, necessita di essere affrontato con competenza, senso di responsabilità, valutando le singole fattispecie anche alla luce degli ormai numerosi pronunciamenti giurisprudenziali. Una commissione costituita da tecnici, autorità giudiziaria, presidenti delle commissioni Ambiente e Affari istituzionali redigerà un proposta normativa di buon senso e ampiamente concordata su cui cercheremo il confronto in aula”.
Ma quale commissione di tecnici può redigere un piano che stabilisca per legge che l’abuso, quindi il reato,  è indispensabile ?
Non resta che aspettare e vedere se l’autorità giudiziaria cui riferisce Cordaro, metterà la firma e quindi la faccia su un piano del genere.