- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Sicilia. Ponte si, ponte no … è una questione di “religione”

ponte [1]Ci sono varie teorie pro o contra il Ponte sullo Stretto, quasi tutte “religiose”, cioè per partito preso. Prima si decide se si è a favore o contrari, e poi si cercano gli argomenti.
Io personalmente sono contrario – l’ho detto più volte – essenzialmente perché credo che i vantaggi geo-politici, ed economici, derivanti dall’insularità siano superiori ai presunti vantaggi dell’essere estrema punta dello Stivale. Ma non voglio parlare di questo oggi.
Un elemento di giudizio è dato dal fatto che l’area dello Stretto – lo vediamo dalle mappe che circolano in questi giorni – appartiene a quelle a massimo rischio sismico dell’intero territorio della Repubblica Italiana.
Non sono un tecnico. Qualcuno mi spiegherà che magari non fa niente: in caso di terremoto il ponte oscilla come un’altalena e torna placido al suo posto. Sarà. Come ho detto non è questo il motivo principale del mio diniego, ma ho letto da qualche parte che questa intensissima rischiosità sismica lo rende un’opera praticamente impossibile. Capisco che ci sono interessi in gioco. Ma un’operazione verità su questo? Quanti miliardi ci avrebbe fatto risparmiare?

Massimo Costa