- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Ma i marsalesi sanno cosa significa “pronto soccorso “?

 

emergenza [1]Ci si lamenta spesso, anzi spessissimo e a torto o a ragione, del fatto che la sanità pubblica non funzioni. A Marsala spesso ci si lamenta del Pronto Soccorso dove ci sarebbero tempi di attesa abbastanza lunghi per la visita “d’emergenza”.

Ma la cittadinanza ha cognizione di cosa significhi Pronto Soccorso ? Noi abbiamo ricavato la netta convinzione che no, almeno i marsalesi, non hanno nessuna conoscenza del significato Pronto Soccorso e cosa significhi emergenza.

Giorno 8 Agosto scorso ci siamo recati presso il Pronto Soccorso cittadino per una ferita che ha avuto bisogno di alcuni punti di sutura.

Ebbene, durante l’attesa, di circa un paio d’ore, tempo fisiologico più che accettabile anche in considerazione che nel frattempo sono giunte due ambulanze con pazienti barellati, abbiamo assistito a comportamenti quantomeno irrazionali.

Persone che dopo la registrazione stufi di aspettare se ne andavano senza peraltro avvertire il personale e  utenti che nell’attesa di essere visitati, uscivano fuori per “fumarsi” una sigaretta.

Ed erano le stesse persone che si lamentavano della lentezza del servizio.

Ed allora ci sovvengono un paio di domande.

La prima. Se una persona si reca al pronto soccorso e poi se ne va senza farsi visitare vuol dire che male proprio non stava e poteva benissimo contattare eventualmente il suo medico.

La seconda. Ma se un utente si reca al pronto soccorso e nell’attesa si mette a fumare, quale scompenso può mai avere costui  da trattare con urgenza se tranquillamente fuma ?

Tutto ciò conferma che la gente si reca al pronto soccorso per problemi irrisori o presunti, spesso presunti,  e questo comporta  l’allungamento dei tempi di attesa senza che ce ne sia bisogno , ma soprattutto questi utenti dimostrano  di non rispettare il lavoro di medici, infermieri e personale ausiliario, sottoposti di continuo a stressante lavoro.

E malgrado ciò, riescono a fornire un servizio efficiente.

Non sarebbe in caso che i marsalesi si rendessero conto che “emergenza” è una parola seria e che certi comportamenti sono contrari al senso civico ?

Michele Santoro