- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Sul piano rifiuti, il Presidente del Consiglio Comunale mette sotto accusa il dirigente Patti

…. E la Giunta Comunale.

Comincia con una conferenza stampa del PSI marsalese la lunga giornata bollente al Consiglio Comunale. Conferenza stampa al quale si aggiunge il Presidente del Consiglio Enzo Sturiano e il suo gruppo consiliare.
Conferenza che un vero e proprio scambio di opinioni tra PSI e Sturiano che da parte sua conviene con l’Assessore Ciniglia e il gruppo consiliare del PSI circa le forzature che sono state messe in atto dall’Amministrazione sul Piano “Licari”.  

Tutti, in modi diversi, sono concordi nel chiedersi se e  quali interessi si possano celare dietro questo piano e queste continue forzature.  E in aula, subito dopo, è Pino Milazzo a ripetere la domanda e a chiedersi “ se si insiste a dire che abbiamo interessi diversi” ebbene, si portino le carte in Procura.

Che il clima sia rovente lo si avverte chiaramente e le facce truci del sindaco e del vice sindaco e quella del dirigente Patti, ne sono la conferma.

Il Consigliere Sinacori a cui il presidente ha concesso la parola, con un intervento molto efficace e duro rappresenta quello che a suo dire è un vero e proprio attacco politico di una società privata al consigliere Coppola e di conseguenza a tutto il Consiglio Comunale.

Non ho mai sentito di una società a cui il Comune ha commissionato un lavoro, attacchi un membro del consiglio. E’ grave , ha continuato Sinacori, che il Consiglio Comunale e la Giunta siano rimasti silenti e non abbiamo sentito la necessità di tutelare Coppola e  il Consiglio Comunale.

L’Amministrazione prende in giro la gente, afferma Sinacori,  e ha l’interesse di proseguire il servizio, in proroga, proprio ad Aimeri (ndr. Energeticambiente e non Aimeri).

Chissà che, conclude, che in questi giorni non andiamo a trovare il nuovo Procuratore.

Sturiano parla di vergogna e ammette che si, si tratta di dichiarazioni molto gravi.

E continua il Presidente, mettendo praticamente sotto accusa il Dirigente Patti chiedendosi, considerato che in nessun caso il bando di gara può essere pubblicato prima della scadenza del servizio Aimeri/Energeticambiente, che avverrà il 31 Agosto prossimo, quale sarebbe il piano “B”, ovvero, quale azioni il Dirigente avrebbe previsto per garantire la  regolarità del servizio dal 1° Settembre 2016.

Eppure, è chiaro a tutti gli addetti ai lavori che la procedura richiede mesi e l’eventuale appalto potrà avvenire solo molto dopo la scadenza dell’attuale contratto.

Non si può oggi, insiste  Sturiano, colpevolizzare il Consiglio Comunale quando Dirigente e Giunta non sembrano aver previsto alcuna azione di garanzia del servizio, così come è dimostrato che non ci sia stata alcuna azione di coordinamento tra Settore e Consiglio Comunale e la stesa Giunta ha in pratica presentato il piano “ a scatola chiusa”  con notevole ritardo senza avere chiaro cosa fare dal 31 Agosto.

Quale che sia il risultato finale, questo piano rifiuti, fortemente voluto da Licari vice sindaco, abbia di fatto chiarito che l’idillio Di Girolamo e la sua maggioranza o pseudo tale, è definitivamente finito.

Se tutte le osservazioni e le eccezioni sollevate in sede di Consiglio saranno cassate, è facile prevedere che questo piano, di per sé quasi inutile visto il procedere della legge regionale, sia sonoramente bocciato.

Sturiano  e il suo gruppo e il PSI hanno chiaramente dichiarato che se il piano rimane così com’è oggi non lo voteranno. In Consiglio si asterranno e l’astensione in Consiglio significa voto contrario ma la politica impone questo perché con un voto palese contrario vorrebbe dire mettere in minoranza la giunta.

A meno che … come accade spesso in parlamento (p rigorosamente minuscola) alla fine i dissidenti votino a favore.

Salvando così capra (giunta) e cavoli (scranno) ,  in barba ai paventati interessi dei cittadini che sia in privato che in pubblico hanno dichiarato di voler tutelare.

Staremo a vedere.