- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Augusta. Altro “colpo” grosso dei Carabinieri. Sgominata associazione a delinquere

cc [1] I Carabinieri della Compagnia di Augusta, a conclusione di una indagine avviata oltre un anno fa, che ha visto in campo anche il Nucleo Antifrodi di Roma,  hanno dato esecuzione a tredici ordinanze emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Siracusa su richiesta della Procura della Repubblica, emesse nei confronti soggetti facenti parte di un’ associazione a delinquere finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche in agricoltura e nella  zootecnica nei Comuni di Augusta, Carlentini e Melilli, mediante l’illecita acquisizione di terreni privati e le false attestazioni sul loro reale utilizzo.

L’indagine, infatti, ha consentito di accertare che il gruppo criminale, avvalendosi di atti pubblici falsi, rogati dal notaio G.C.,tra il 2011 ed il 2014, e perpetrando in qualche caso anche intimidazioni e danneggiamenti, aveva acquisito la disponibilità di oltre 2.000 ettari di terreno in effetti appartenenti ad ignari proprietari e, con la complicità di ispettori dell’AGEA[1] [2], aveva conseguito erogazioni pubbliche per oltre 200mila euro. In particolare, le indagini hanno permesso di mettere in luce un sistema criminale complesso articolato in più fasi:

I reati contestati sono associazione per delinquere, tentata estorsione aggravata, truffa, truffa aggravata per il conseguimento di erogazione pubbliche, corruzione e falsità ideologica commessa dal Pubblico Ufficiale in atti pubblici.

In particolare sono state emesse:

Nel corso dell’operazione i Carabinieri hanno, dato esecuzione , in al sequestro preventivo della somma di 175.000 euro circa, quali erogazioni pubbliche dell’anno 2014, e 555 terreni agricoli tra agrumeti, uliveti, aree seminative e terreni utilizzati a pascolo, per un valore complessivo di oltre 3 milioni e mezzo di euro.

Espletate le gormalità di rito, C.A. verrà associato presso la Casa Circondariale “Cavadonna” di Siracusa mentre i dieci soggetti indagati sono agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.

L’indagine ha dato conferma che il settore dei finanziamenti in agricoltura è fortemente infiltrato da appartenenti a frange della criminalità organizzata.

[1] [3]Agenzia per le erogazioni in agricoltura