- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Tra Sindaco e Consiglio si dice “pace fatta”, si legge “guerra fredda”

Abbiamo atteso qualche giorno per riportare dell’incontro  tra il gruppo consiliare del Pd e l’amministrazione comunale per cercare di capire quale si il livello di tensione ancora esistente.

Sono passati alcuni giorni e malgrado il comunicato diramato dal PD con il quale il partito rinnova  la propria fiducia al sindaco Alberto Di Girolamo.
Strana dichiarazione che si dice fatta dal gruppo guidato dall’ex vice sindaco Antonio Vinci sulla questione della  bocciatura della Tasi, che dopo aver fatto  “mea culpa”, avrebbe ammesso che  “è stata senza dubbio frutto di scarsa riflessione” precisando che l’incidente è addebitabile  alla “scarsa comunicazione tra il partito ed i consiglieri che ne fanno parte”.

Solite auspici che dal fatto TASI di traggano insegnamenti, la tritata dichiarazione “La collaborazione tra organi di partito è essenziale e siamo consapevoli che di ciò non si possa fare a meno . La città e l’amministrazione hanno bisogno di poter contare su un gruppo consiliare compatto e che responsabilmente condivida le scelte, pur sofferte ed impopolari dell’Amministrazione stessa. Proprio in questi momenti difficili bisogna dimostrare unione. Pertanto, dopo un ampio chiarimento interno, sia con l’Amministrazione che con gli organi di partito, si è convenuto di intraprendere un percorso nuovo, che sgombri la strada da ogni malinteso e fraintendimento rispetto alla piena ed incondizionata fiducia nei confronti del nostro sindaco e di tutta l’amministrazione. Siamo ben consapevoli delle difficoltà che affronteremo nel percorso di responsabilità che la città ci ha assegnato, ma amministrare significa anche accettare scelte difficili come quelle che presto saremo chiamati a fare approvando il bilancio. Non mancherà la nostra piena condivisione delle scelte che insieme all’Amministrazione faremo relativamente a questo importante atto ed a tanti altri che seguiranno, ogni scelta ci vedrà uniti accanto all’Amministrazione ed ai cittadini nel sostenere un percorso senz’altro irto di difficoltà, ma che alla lunga risulterà virtuoso e porterà esiti positivi per la città di Marsala”.

Tutto chiarito quindi  ? Pare proprio di no. Parlando con vari consiglieri di maggioranza la questione sembra tutt’altro che definita anche perché i Consiglieri di maggioranza e di opposizione sono ben decisi a far si che l’Amministrazione intervenga in tagli drastici in un sistema, quello del Comune, troppo ingabbiato e con grandi spesi di denaro pubblico.
Inoltre, si cominciano a sentire più forti le voci contrarie al mantenimento di Marsala Schola, della Pinacoteca e non ultimo, vogliono finalmente chiarita la questione “enoteca” , che appare tutto meno che un ente di promozione quanto più una vera e propria attività commerciale.

Tutto ciò, appare chiaramente scritto nella durissima nota politica sottoscritta da ben 21 Consiglieri su 30, quindi una grande maggioranza di intenti.