- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Se si amministrano così le strutture comunali siamo proprio messi male ….

Un pò di sana confusione [1]

Un pò di sana confusione

Le domande, cosa significa burocrazia ?  A cosa servono i dirigenti comunali ? Gli assessori ? E il sindaco, in ultima analisi è una entità astratta o il capo dell’amministrazione che dovrebbe essere il responsabile politico di quanto succede o non succede al Comune?

Orbene, siamo riusciti ad ottenere una copia della “situazione attuale delle strutture sportive del Comune di Marsala” redatto, sembra, dall’arch. Filardo.

Secondo questa situazione:

Per il Palazzetto dello sport sono stati spesi 500.000 euro , è in concesso in comodato d’uso gratuito (?) alla Mensa della Caritas e alla Protezione Civile (!!!!), ma manca dell’energia elettrica;

Sono previsti lavori per 150.000 euro con appalto già pubblicato e lavori per 260.000 per lavori in corso di progettazione;

MANCA di agibilità però Caritas e Protezione Civile sono assegnatari in comodato- Come è stato possibile ?

Per la piscina comunale (vero buco dell’ozono comunale) sarebbero stati completati lavori per 200.000 euro e finanziati circa 300.000 di cui 200 mila per renderla fruibile con la presenza di pubblico (?) –
Ma allora, come mai è aperta se, come appare, non è fruibile al pubblico ?

Campo di calcio di Strasatti – lavori da fare per 120.000 euro (non fruibile al pubblico) (?)

Palestra Strasatti – Secondo la relazione “ottimo per le manifestazioni indoor”,  però manca di illuminazione, di conformità strutturale, di boiler, di passaggi d’acqua e illuminazione esterna. Malgrado ciò è affidato al Comitato pro-festeggiamenti fiera Strasatti (?) – Se manca di questi servizi come mai è affidato ad una associazione ?

Campo di Via Istraia  – da fare lavori per il fondo del campo, recinzione di protezione, arredi spogliatoi, servizi igienici, strutture per diversamente abili, scaldabagni, porte arredi e servizi igienici spogliatoio arbitro, necessita di rubiinpulizie interna ed  esternamalgrado ciò è affidato (?) alla ASDP LA Garibaldina;

Campo di cda Paolini  – Impegnati 50.000 euro per spogliato, arredo spogliatoio, infermeria da arredare, recinzione, cancelli e allaccimaneto idrico. MANCA l’agibilità  – Malgrado ciò è affidato all’Associazione Paolini e Parrocchi di Cda Misilla … (!9 e chi lo gestirà (?) dovrà munirsi di impianto antincendio ….. (!!!)

Palestra DIGERBATO – In gestione all’associazione “un altro sole” Stella Rosalia Giusy (?) indicato un importo di 50.000 euro (non è dato di sapere se suggerimento o finanziato o progettato…) per parquet da sostituire, per sistemare i vetri, prevenzione.
Indicato una generica richiesta di variazione di destinazione d’uso da palestra ad associazione sociale (???)
Mancano le uscite di sicurezza, del certificato impianto elettrico, luci di emergenza e il gruppo elettrogeno è stato trafugato. Viene indicato che MANCA TUTTO per l’agibilità ….. (!) – Però incredibilmente è ceduto a privati …(!)

Campo cda TERRENOVE E BAMBINA … qui la chiarezza è unica (!) perché si scrive che: quasi inesistente perché ogni struttura è stata demolita (da chi e quando non è dato di sapere) –il terreno ha più proprietari privati ((?) e una complessa storia di proprietà alle spalle (?????)

Capannoni NERVI – (che non sono del comune ma del Ministero della Difesa) – proposta di realizzare un museo del mare (?)

Percorso ciclabile – proposta di realizzarlo lungo il litorale ……

Campo di Via Grotta del Toro- proposte ma il bene è del  Ministero della Difesa.

Fin qui la situazione. Il relatore alla fine si “permette” di suggerire: di stialare un regolamento che tenesse conto della serietà e delle realit attività svolte dalle società richiedenti oltre che dei curricula sportivi; di attenzionare le società che svolgono attività sportiva del settore vela, canoa, surf kart, windsurf, di utilizzare gli impianti ben curati per manifestazioni ed eventi anche non sportive…

Ora, rileggendo la situazione presentata dal professionista,  viene da chiedersi come sono stati gestiti e  come vengono gestiti i beni comunali e nello specifico quelli del settore sportivo, come vengono assegnati e con quali limiti e responsabilità.

Inoltre, viene da chiedersi come è possibile assegnare strutture prive di agibilità e requisiti di sicurezza.

Signor Sindaco,  ci può dire qualcosa ?