- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

9/11. Sul quotidiano La Repubblica, l’incredibile storia, nel vero senso della parola, vecchia di 5 anni, di Heather Penney

E si, ogni anno si ripete la solita trita e ritrita storia dell’ 11 Settembre 2001. Una storia ben lungi dall’essere chiarita e che di  drammatico ha solo le migliaia di morti innocenti e gli oltre un milione di morti sparsi tra Afghanistan, Iraq, Siria, etc ….

Dal Pentagono, al Volo 93, passando per la tragedia delle torri gemelli, ci sono circostanze che fanno pensare che servizi USA non solo fossero a conoscenza dei piani dei terroristi, ma che addirittura siano stati parte del gioco.

E qui il ricordo di Pearl Harbor, anche questo mai chiarito dopo oltre 70 anni, si ripresenta in tutta la sua drammaticità.

Ogni anno, come sempre del resto, spunta una storia, e ovviamente, qualche giornale italiano riporta con dovizia di particolari.

Questa volta tocca a Repubblica di oggi 12 settembre, che a pagina 17 riporta l’incredibile storia di un pilota donna della USAF, tale Heather Penney  a cui sarebbe stato dato l’ordine di abbattere l’areo del volo UA 93 anche se il suo aereo era disarmato.

Storia vecchia per la verità perché tirata fuori dal cilindro dalla penna di Steve Hendrix [1]  del Washington Post nel settembre 2011 ( https://www.washingtonpost.com/local/f-16-pilot-was-ready-to-give-her-life-on-sept-11/2015/09/06/7c8cddbc-d8ce-11e0-9dca-a4d231dfde50_story.html [2]), ripubblicata, non si sa mai che qualcuno non l’abbia letta, qualche giorno dopo ( https://www.washingtonpost.com/lifestyle/style/f-16-pilot-was-ready-to-down-plane-her-father-piloted-on-911/2011/09/13/gIQAHasoSK_story.html [3])

Una storia americana, inverosimile ed incredibile che dimostra ancora una volta come gli americani hanno cercato per quasi un decennio, a far apparire un attacco alla nazione quello che più passano gli anni più appare come un vero e proprio complotto interno per fini politici internazionali.

Solo chi crede alle favole può credere che un pilota di F16 possa pattugliare per oltre un’ora i cieli d’America senza “trovare” un aereo dirottato e che il sofisticato sistema di controllo del traffico aereo americano possa essere stato così clamorosamente bucato da ben 4 aerei passeggeri e per oltre due ore.

I cieli d’America sono tra i più controllati del mondo e neanche un ultraleggero sfugge al sistema di pattugliamento radar dei cieli figurarsi  aerei passeggeri del tipo B 757….

Cosa è successo l’11 Settembre del 2011 forse non sarà mai svelato ma i dubbi sono tanti e le prove che possa essersi  trattato di un qualcosa preconfezionato dai potenti servizi americani, o che questi abbiano lasciato fare contribuendo con qualche montatura,  sono molteplici, a cominciare delle false informazione sull’attacco al Pentagono e del volo UA 93.

Ci si chiederà: possibile che americani possano deliberatamente uccidere altri americani ?

Ricordando Pearl Harbor, e i dubbi che accompagnano quella pagina, è possibile …