- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

11/9. La grande beffa …

Non mi sono dimenticato della grande “beffa” dell’11/9. E  sento il dovere di ricordare qualcosa di quanto accadde in quel non lontano 2001. L’11 settembre di quell’anno  due grattacieli di New York, costruiti in cemento armato con intelaiature di acciaio durissimo, si sbriciolarono su se stessi in minuta polvere bianca senza toccare altri fabbricati. Il governo degli Stati Uniti dice che a causare il crollo e la morte di migliaia di persone che si trovavano nelle strutture furono due aeroplanini di linea, “dirottati da terroristi”, che si schiantarono sui fabbricati.
Uhu, uhh… Quando quel giorno  mi telefonò a Calcata il caporedattore del Messaggero (edizione di Viterbo) per chiedermi un parere sull’appena avvenuto “attentato” alle twin towers (torri gemelle)  immediatamente sentii la puzza di bruciato.. Non credetti assolutamente alla fola dell’attacco dinamitardo di Al Qaeda ma siccome non avevo dati sufficienti per obiettare o sostenere tesi alternative mi limitai a dire “…sono stati gli extraterrestri…”.. e con ciò sistemai la faccenda, lasciando chiaramente intuire il mio pensiero, ovvero che la fantasia degli addetti ai “servizi” è intergalattica (se ne inventano di tutti i colori..). Peccato che il giornalista non raccolse la mia dichiarazione.. che altrimenti la “bugia dinamitarda” sarebbe stata scoperta subito. Niente paura, con lo scorrere degli anni la verità vera dei fatti fu confermata da solide prove e da indizi inequivocabili sul come e perché le torri erano state buttate giù in un sol colpo…

L’America aveva bisogno d’una guerra vera,  piena di morti, una guerra di tragedia, paura. Serviva una guerra che facesse sentire al popolo americano d’essere in guerra perché un grande pericolo lo sovrasta… La desideravano la guerra, una guerra che facesse provare il tremolio della vendetta,  una guerra che mantenesse ad libitum il senso  di pericolo imminente, che giustificasse l’occhio per occhio.

Ma… era la vendetta brutale, che l’America cercava (e cerca)  oppure l’opportunità  di rapinare il mondo di ogni sua ricchezza con la scusa di combattere il “nemico”?   Questo è in fondo lo sporco segreto che, da quelle parti, tengono gelosamente nascosto. Rinunciando alla vergogna liberatoria di una  confessione pubblica d’errore….  L’America  mantiene il patto mefistofelico che aveva stretto con i “terroristi”. Ne abbiamo una prova anche oggi con le vicende dell’ISIS, con i rivoltosi di piazza Maidan, etc. etc.

Per tutto questo gli americani, “che sanno”,  provano quotidianamente un senso di  colpa che non riescono a cancellare.  Però l’ ipocrisia è più forte: sopportano lo status quo,  mangiando hamburgers e popcorn al cinema o davanti alla tv.

L’America della Libertà e morta, viva l’America finta di Hollywood!

Paolo D’Arpini

Nota del direttore:

Che gli USA hanno mentito sull’11 settembre ormai appare certo in tutte le sue sfumature.
Purtroppo i morti sono veri. Gli USA hanno sulla coscienza non solo i morti civili (effetti collaterali)  in Afghanistan, circa 30.000, in Iraq , circa un milione e altre migliaia in altri paesi dove sono proditoriamente intervenuti per i loro “alti” interessi economici.
Ciò che preoccupa è il comportamento vile di stati che si definiscono democratici che supinamente avvallano le decisioni americane e si chinano ai suoi voleri.