- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Immigrazione. Alfano domani rischia di sbattere contro “frontex”

Dovrebbe tenersi domani a  Roma un vertice voluto dal ministro degli Interni italiano Alfano e rappresenti della Commissione europea e dell’agenzia europea delle frontiere (??)  per cercare di coinvolgere l’Europa nell’incredibile sbaglio (voluto ?) di attivare l’operazione Mare Nostrum, aprendo di fatto le porte al flusso di clandestini provenienti dall’Africa.

Clandestini che a questo punto non si sa se clandestini sono perché è l’Italia che li va prendere quasi sin sotto le coste libiche …

Secondo un portavoce della commissaria europea agli Affari interni Cecilia Malmstrom. “Il vertice riguarderà la possibilità di lanciare un’operazione ‘Frontex Plus’ per assistere l’Italia nel suo impegno per far fronte alla crescente pressione migratoria e di richiedenti asilo nel Mediterraneo” , che però ha precisato che nessuna decisione a riguardo è stata fin qui esaminata o presa.

Alfano vorrebbe che si attivasse un sistema congiunto europeo di lotta all’immigrazione clandestina che possa sostituirsi al programma Mare Nostrum con il quale l’Italia sta trasportando sulle coste italiane migliaia di clandestini.

Alfano vorrebbe che si attivasse l’operazione Frontex, già fallita proprio perché al suo inizio, come Mare Nostrum, sono aumentati in modo vertiginoso le partenze dalle coste libiche.

Solo nelle ultime 24 ore la Marina Militare ha portato in Italia 4.000 naufraghi (?).

L’Europa nicchia e risponde che non ci sono mezzi e fondi e quindi se l’Italia, ovvero questo sinistrosso governo, vorrà continuare a trasportare gratuitamente in Italia extracomunitari per poi assisterli logisticamente ed economicamente, lo faccia pure.

Insomma, se l’Italia è tanto brava  perché mai l’Europa dovrebbe caricarsi di immigrati irregolari ?

Prevedibilmente domani Alfano ricevere tante pacche sulle spalle ma niente di più. Ma in fondo ce lo meritiamo. Siamo autolesionisti e poi vorremmo che gli altri facessero come noi.