- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Afghanistan. I Talebani, tra tasse ed estorsioni incassano 400 ml di dollari USA per combattere

Secondo un rapporto delle NU, nel 2011 i  talebani hanno incassato 400 milioni dollari provenienti da tasse, donazioni, ed estorsioni a  uomini d’affari e commercianti in Afghanistan.

Il gruppo islamico a incassato qualche centinaia di milioni di dollari provenienti dai finanziamenti internazionali per lo sviluppo dell’ Afghanistan e del totale di 400 milioni di dollari, si stima che 275 sono stati incassati dalla leadership talebana, e 125 per spese e gruppi a livello locale.

Praticamente tutto il paese è sotto estorsione e i ricavi che provengono da imprese a livello nazionale, quali i produttori e trafficanti di stupefacenti, imprese edili e di autotrasporti, operatori di telefonia mobile, aziende minerarie e dei progetti di aiuto e sviluppo va alla Commissione finanziaria dei talebani (una sorta di Ministero delle Finanze)  che risponde alla leadership talebana.

Secondo il rapporto,  che cita stime della NATO e della  Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (ISAF) il costo della guerra dei talebani varia da  di  $ 100 milioni e 155 milioni dollari l’anno, mentre la rimanenza va a mantenere il sistema insurrezionale.

L’organizzazione talebana impone tasse sui servizi, sulle forniture d’acqua, sull’elettricità pari al 10%, ma  in gran parte proveniente dalla coltivazione del papavero, “fonte principale” di reddito di una gran numero di afghani. Sul patrimonio, la tassa è del  2,5%  …

Paradossalmente, secondo il rapporto UN, dalla raccolta del  papavero arriva solo il 20% degli introiti ma poiché si stima che la droga riesce a produrre reddito tra i 3,6 e i 4 miliardi di dollari, e i maggiori introiti arrivano dall’attività “internazionale” della droga che garantirebbe ai talebani una quota che varia dal 10 al 20% del totale. Tra i 400 e gli 800 milioni di euro l’anno.

Ma le fonti di reddito dei talebani arrivano anche dall’ISAF …

Fonti ISAF infatti, stimano che i talebani hanno incassato circa 360 milioni di dollari in tre anni, provenienti da un contratto di 2,16 miliardi dollari assegnato ad una società di autotrasporti afgana dagli Stati Uniti.