- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Elezioni a Marsala. Nasce la figura del “promettente silenzioso” …

In una campagna elettorale succede di tutto. Candidati che promettono mari senza … monti !, che ipotizzano grandi infrastrutture che quasi sicuramente, anzi senza quasi, non saranno mai messe in cantiere e sogni di una vita migliore.

Ci sono, in campagna elettorale, personaggi candidati che non si sentivano da anni che improvvisamente fanno le fusa come i gattini, giusto per riprendere i contatti … non tanto per l’agognato voto !

In questa campagna elettorale quasi all’americana che si sta giocando a Mrsala, tutti sembrano interessati ai grandi sogni e tutti, sembra, si siano dimenticati delle cose essenziali quali il problema dell’acqua (al di là del grand problema strutturale ancora oggi non è certo che sia potabile…), del cimitero (specie il nuvo di Contrada Cutusio costato oltre 8 milioni di euro e abbandonato da decenni), delle fogne (oltre il 70% del territorio ne è sprovvisto) , dei trasporti (circa 2,4 milioni dieuro di deficit l’anno) , della macchina burocratica e dei servizi sociali …. Giovanni XXIII in testa, del problema delle case abusive lungo la costa, alcune migliaia  “non viste dal Comune”  e altre centinaia sanate probabilmente con dichiarazioni false).

Tutte cose che dovrebbero impegnare i candidati sindaco e consigliere ma che sembrano scottare al punto di essere dimenticati. E la gente sembra non accorgersi di ciò.

In questo contesto sta emergendo una strana e nuova figura : il promettente silenzioso.

Già, il promettente. Si tratta di persone che ancora non hanno ben capito dove girerà il vento e nell’incertezza della competizione, fanno capolino in tutte le manifestazioni dei due candidati più in vista.

Applaudono ai comizi e salutano ben attenti a farsi notare. Non si espongono, non promettono il voto; lasciano soltanto intuire che lo daranno …

Domani chissà. Chiunque dei due vinca, possono sempre dire “io c’ero e sono stato con te ….”

Questi “promettenti silenziosi” pensano di gabbare “lu santu”, ma non fanno i conti con l’alchimia del sistema di voto che alla fine permette a l candidato di capire chi l’ha votato oppure no …

Intanto, promette … con una silenziosa presenza !