- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

La chiesa cattolica fa pubblicità eticamente e moralmente inaccettabile

Mi è spiaciuto tantissimo constatare che sull’ultimo numero di Condividere, per far fronte alle spese di gestione del giornale diocesano, si sia fatta pubblicità ad una nota marca di super alcolico.

Sono del parere che per la Chiesa sia eticamente e moralmente inaccettabile promuovere una delle sostanze che è causa di uno dei mali peggiori dei nostri tempi.

È infatti ormai certo che la comunicazione commerciale finalizzata alla promozione e alla vendita di prodotti alcolici rappresenta uno dei principali fattori correlati all’aumento dei consumi di alcol.

L’alcolismo oggigiorno può essere considerato come una piaga sociale mondiale che causa ogni anno milioni di vittime. In Italia abbiamo 30.000 morti causati direttamente dall’alcol ed altrettanti morti indiretti ( guida in stato di ebbrezza, suicidi, omicidi) con costi economici e sociali molto elevati.

Davvero non me lo sarei mai aspettato!

Tale pubblicità contrasta palesemente con le attività che la Chiesa ha promosso al suo interno: corsi contro alcol e droga, e si è affiancata ad altri enti per educare la comunità ad essa esterna alla prevenzione dell’alcolismo e della tossicodipendenza.

Vittore Saladino
Servitore insegnante Club Alcologico Territoriale Marsala