- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Cutrona MPFE: la questione politica del presidente Lombardo

Il Segretario  del MPFE, Domenico Cutrona, ritiene che la posizione del Presidente Lombardo sia molto grave e che ove la Magistratura dovesse ritenere di procedere per  un rinvio a giudizio, allora in quel caso il Governo Lombardo non ha più motivi di esistere. Cutrona, a nome del mpfe, ha reiteratamente detto da un anno a questa parte che Lombardo era inadeguato ad affrontare la grave crisi che investe la Sicilia, oggi alla luce di quando supposto dal Tribunale di Catania a maggior ragione. I danni che ha generato il Presidente Lombardo sono così gravi che ci vorrà un sforzo di tutti i partiti e il contributo di tutti i Siciliani per potere ripartire con una economia sana e per sostenere l’occupazione.

Cutrona sostiene che dopo il grave danno che è stato causato dal Presidente Lombardo, anche  tutti i suoi amici del MPA sono ugualmente responsabili di quanto è  accaduto in Sicilia e sono pertanto responsabili del disastro che ha buttato tutte le aziende siciliane a vedere ridurre il fatturato e mettere i propri operai sotto cassa integrazione.

Tutto ciò è sotto gli occhi di tutti ed è inconfutabile, per cui la conseguenza di questo è una sola, tutti coloro che hanno contribuito a sostenere il Governo Lombardo non dovranno essere ricandidati in altri partiti, per evitare questo passaggio opportunistico e privo di una seria prospettiva politica. Lo facciano con il loro movimento e dentro il loro movimento se ne hanno la forza!

Al prossimo Presidente della Regione Siciliana chiunque esso sia gli diciamo sin d’ora che siamo ben disponibili a collaborare per creare le condizioni di un serio sviluppo con un programma di sostegno alle attività produttive e con una condizione di legge eccezionale per dare sviluppo e occupazione investendo sin d’ora gli stessi sindacati per una seria ripresa economica.

Tutto questo è possibile attuarlo se il prossimo Presidente non  sarà scelto nelle sale del palazzo o sarà ancora peggio espressione di accordo di vertice, ma sia invece investito da una volontà popolare di cambiamento per il bene della Sicilia e dei siciliani.

Il MPFE sarà per questa politica e per lo sviluppo delle risorse siciliane.