Osservatorio SiciliaOsservatorio Sicilia

1 commento: esprimi la tua opinione
 Sonia Alfano ha scritto il 23 Febbraio 2012 15:39

Viste le numerose richieste di chiarimento ricevute ed alcuni titoli di stampa pubblicati in questi giorni, ritengo opportuno per trasparenza e rispetto dei cittadini chiarire le ragioni della mia assenza a Strasburgo durante le votazioni dell’accordo UE-Marocco, lo scorso giovedì. Come scritto sul mio blog – praticamente in tempo reale – lunedì sarei dovuta partire dall’aeroporto di Trapani per Francoforte (quando possibile cerco le combinazioni di volo low cost per evitare di sperperare preziose risorse pubbliche). Purtroppo il volo, in partenza per le 14 circa, a causa delle condizioni meteorologiche è stato bloccato (inizialmente era previsto un ritardo di 8 ore). Così sono rientrata a Palermo, intenzionata a prendere il primo volo possibile per raggiungere Strasburgo, previsto per il martedì mattina alle 6. Purtroppo, però, durante il pomeriggio del lunedì, ho avuto seri problemi di salute che mi hanno indotto a rinviare la partenza di un giorno, proprio per essere presente alle votazioni sull’accordo UE-Marocco e sull’Ungheria (argomento che seguo in prima persona). Alla fine è stato il medico che ha mi ha visitato a proibirmi di partire mercoledì 15 (con annesso certificato con prescrizione di terapia). La sola cosa che ho potuto fare, dunque, è stata quella di impegnarmi affinchè la delegazione italiana IdV votasse contro l’accordo UE-Marocco. Sono contenta che la stampa e i cittadini siano attenti a chi vota e come; è un sano controllo democratico che, per fortuna, incute parecchio timore nei politici che non hanno a cuore gli interessi della collettività. Mi spiace se sono stata costretta ad una rara assenza che, per quanto giustificata, mi pesa perchè non mi ha consentito di rappresentare pienamente i cittadini, in particolare quelli siciliani.

Sperando di aiutare con un consiglio quanti vogliono controllare i deputati del Parlamento Europeo e incidere sul loro operato, ritengo che si debba prestare maggiore attenzione ai lavori delle commissioni parlamentari. Sono quelli infatti i luoghi nei quali vengono definiti i testi e decise le strategie di voto dei gruppi politici (tant’è che, anche se fossi stata presente in plenaria il mio voto, pur significativo, sarebbe stato ininfluente perchè i giochi erano già fatti).

Io, che lavoro in 3 commissioni (Libertà civili, giustizia e affari interni; Controllo di bilancio e Petizioni), sono venuta a conoscenza dell’accordo solo 10 giorni prima del voto, quando è stata pubblicata l’agenda provvisoria della plenaria. Pertanto ritengo che i cittadini debbano controllare sì il voto in plenaria (favorevoli, contrari, assenti), ma devono soprattutto chiedere spiegazioni agli eurodeputati che quel testo lo hanno elaborato e votato in commissione.

Il sito web del Parlamento Europeo, sotto questo punto di vista, garantisce ampia trasparenza, con la pubblicazione di tutti i documenti preparatori, lo streaming in diretta e l’archivio video delle sedute della commissione, i risultati dei voti, etc.

Il mio impegno costante per la trasparenza e per la partecipazione attiva dei cittadini ai lavori parlamentari è manifestato dal fatto che pubblico ogni mia attività parlamentare sul sito web. Spero che altri parlamentari, sollecitati dai cittadini, si impegnino in tal senso; magari l’accordo UE-Marocco sarebbe balzato all’attenzione pubblica molto prima.

Torna su

Categorie Articoli


Comunicati Stampa


Notizie in Breve


Archivi


Il mio stato