- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Messaggio di fine anno … Gli italiani non si filano Giorgio Napolitano. Flop presidenziale 16,6% di share totale

Punta massima RAI1 con il 8,2% di rete ….

Il discorso di Giorgio Napolitano agli italiani, intriso di ipocrisie unitarie, ha tolto la maschera ai tanti sondaggisti noti e meno noti, che   da qualche mese affermano che Napolitano è il politico con il più alto indice di gradimento. Sondaggi che lo indicano il re della “speciale “ classifica che ogni sondaggista redige, al primo posto con punte di gradimento dell’80% ed oltre.

Come siano fatti questi sondaggi, anche quelli recenti nei giorni immediatamente Natale, è difficile comprenderlo, sta di fatto che sono stati clamorosamente smentiti da dati “ufficiali” riguardanti l’ascolto del messaggio di fine anno del presidentissimo …

Orbene, l’inutile quanto demagogico discorso del Giorgio nazionale è stato seguito dal 16,6% degli italiani e la corazzata RAI 1 ha totalizzato meno di cinque milioni di spettatori.

Il peggior presidente della repubblica italiana ha avuto la sua paga, ora, dopo che per mesi ci ha riempito la testa di nazionalismo e unità, senza mai profferire parola sui brogli e imbrogli unitari … , dopo che per mesi ha parlato di sacrifici dalla sua isola dorata che costa agli italiani uno sproposito … inutile, dopo aver consegnato, con una operazione di palazzo, il governo del paese ad un gruppo di pseudo tecnici, dopo che per anni gli abbiamo chiesto (inutilmente) di “tutelare” la Costituzione, e quindi lo Statuto Siciliano,  con fatti concreti e non con parole di facciata, Giorgio Napolitano rifletta su questo dato e faccia autocritica.

Rifletta sul modo, con manovre di palazzo, lui per primo, salvando Berlusconi un anno fa con la scusa di posticipare di quasi un mese il voto di fiducia perché si approvasse prima lo strumento finanziario,  ci ha portati nel baratro della recessione.

Faccia il mea culpa. Ritorni sugli schermi e chieda scusa al popolo e faccia tre passi indietro … si dimetta.

L’Italia tutta ne guadagnerà !

Michele Santoro