- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Alluvione di Genova. Anche nella tragedia Paolo Villaggio riesce ad essere razzista … “A Genova cultura anglosassone … il sud piaga d’Italia” !

Umanamente colpito, come tutti o almeno la gran parte, per quanto sta ancora succedendo tra Liguria e Lunigiana, avevo voluto esprimere su un social network il mio stato d’animo, … NON tralasciando, però, qualcosa che, a mio parere, … non andrebbe tralasciato o dimenticato:
«Mi inchino e piango per le morti e la distruzione di Genova.»

Lo ribadisco, se possibile, con ancora più forza. Tra l’altro, Genova … è la città della mitica Samp!
«Ed è giusto che se ne parli e che si cerchi in tutti i modi di portare aiuto a quella povera gente innocente e massacrata.»
Anche questo … sacrosanto!

«Ma un’amara riflessione devo farla. Due anni fa, in occasione della non meno violenta alluvione che colpì il messinese, anche questi erano commenti che si leggevano sulla rete:
… “il Meridione è davvero tutto un altro mondo” …
…”come fanno a stupirsi del fatto che non siamo intenzionati a donare soldi o quant’altro?” …
… “il nostro modello di ricostruzione potrebbe essere esportato, se non fosse, che i valori e la mentalità è totalmente diversa. […] Lì, non basterebbero mille “Zamberletti”, mille protezioni civili, mille sindaci con deleghe speciali […]. Lì, dove a posteriori piangono come eterni bambini, con l’unica finalità di avere le “attenzioni” di mamma Italia. Lì […] non cambierà, purtroppo mai nulla” …
… “il Sud ed i suoi abitanti, non solo i politici, dovrebbero incominciare a rispondere in prima persona sia dello scempio che fanno del paese sia del danno economico recato alla collettività” …
… “mi spiace ma non mi riesce. Non provo alcuna tristezza. […] Le lacrime di coccodrillo (dei politici ma anche degli abitanti) fanno venire più rabbia che altro. Altro che commozione …” …
… “un funerale di Stato non si nega a nessuno, anche ai conniventi della mafia” …

Noi siciliani non siamo capaci di pensare cose del genere, … di nessuno!»
Ribadisco anche questo, con ancora più convinzione!
Ho dimenticato, semmai, di aggiungere che … a Giampilieri e dintorni attendono ancora i 160 milioni (di euro, s’intende!) che avrebbero stanziato …
Come dire, … se succede al nord, è innanzitutto colpa di eccezionali eventi atmosferici, di disgraziati lineamenti geologici e morfologici, di errori, malefatte, trascuratezze della classe politica, … l’ordine viene lasciato alla libera interpretazione dei commentatori …

Se accade al Sud ed in Sicilia, le malefatte di una inetta classe politica (malefatte ed inetta classe politica che ci sono, è indiscutibile!) vengono senz’altro prima di eventi eccezionali e di un territorio geologicamente instabile per sua natura!

Ma ancora prima viene la natura facilona, delinquenziale o semidelinquenziale, l’indole sempre e solo propensa a non rispettare alcuna regola, l’inciviltà, le “lacrime di coccodrillo” di chi cerca solamente l’assistenzialismo di “mamma Italia”, tutte virtù che il nord associa sempre ed immancabilmente al Sud ed alla Sicilia!

A parte il fatto che la mia, di mamma, si chiama Maria … e non ne ho altre …, da una banale ricerca sugli eventi alluvionali storici in Italia, ho scoperto che mica è poi vero che fenomeni del genere siano così tanto più frequenti e così tanto più recidivi negli stessi luoghi al Sud ed in Sicilia! Anzi, … è semmai vero proprio il contrario …

Ma NON è questo il punto, … qui c’è innanzitutto da portare rispetto a vittime innocenti che NON meritavano di subire quello che hanno subito e che, in quanto vittime innocenti, NON saranno mai né terroni né polentoni, … qui non si fa e non si deve fare a gara a chi è meno peggio dell’altro …
Semplicemente, … occorrerebbe smetterla di disprezzare solo e sempre il meridionale ed il siciliano, … che semmai avrebbero ben più motivate ragioni per disprezzare chi lo ha storicamente defraudato e sfruttato per 150 anni, riuscendo addirittura a fargli credere di essere davvero lui l’origine di ogni male su questa terra!
Però …, però …

In un’intervista telefonica rilasciata ieri a Sky Tg24, intervista ancora stamattina ascoltabile sulla rete, … tra un violento colpo di tosse e l’altro, tale Paolo Villaggio, che dicono essere un famoso attore originario proprio di Genova, sosteneva … «sono colpito ma anche vaghissimamente indignato perchè i liguri hanno la presunzione di essere una cultura anglosassone diversa dalla cultura sudista borbonica che è forse la piaga di tutta l’Italia»!
o ‘ra ritta o ‘ra storta … il meridionale cattivo bisogna per forza tirarlo in ballo!

Già il giorno prima, in realtà, in un’intervista rilasciata all’agenzia Adnkronos, aveva dichiarato che «in Liguria, a Genova, si sentono nordici, anglosassoni, diversi dalla gente del Sud ma poi anche lì tutto si ripete, sempre allo stesso modo, ogni 10, 20 anni al massimo e sempre per gli stessi problemi»!

Come dire, dal suo punto di vista, … repetita iuvant …!

Quindi, anche solo per involontaria influenza negativa, … noi meridionali riusciamo sempre ad essere nocivi!

Poi ho voluto rifletterci un po’ su …

Di fondo, il Sud e la Sicilia se la passavano assai meglio prima del 1860, … l’andamento storico del Pil, così come ricostruito dall’autorevole Svimez, ne dà chiara testimonianza!

Le riserve auree del Sud e della Sicilia erano quasi doppie rispetto a quelle di tutti gli altri stati preunitari, messe insieme, … ma servirono, eccome se servirono, a sanare le sconquassate casse del regno piemontese!

Le industrie meridionali, di gran lunga … di un altro pianeta, Pietrarsa, Mongiana, le cartiere, i cantieri navali, … scomparvero dalla scena, a vantaggio di neonate industrie del nord!

Fino al 1860, la Sicilia sconosceva anche solo il termine emigrazione, … ben noto, semmai, a piemontesi e veneti!

Quindici anni circa di forzata chiusura delle scuole meridionali furono sufficienti a dar vita ad una generazione di ignoranti, ottima manovalanza da quattro soldi per le nascenti industrie del nord!

Ovviamente sintetizzo, … potrei continuare per ore …

Allora mi son chiesto: ma perché non ci lasciavano in pace, invece di preoccuparsi tanto di dar vita al lombrosiano spiegazionismo?

E di provare (in tanti casi, riuscire!) a farci credere di essere noi stessi il male personificato? Una domanda semplice semplice, … quanti di noi, andando al nord, tentano di camuffare anche solo la voce, la cadenza?

E, soprattutto, mi son detto … ma non è che, per caso, non sia mica vero che siamo noi ad influenzarli negativamente?

Non è che, per caso, con lo spogliarci di tutto, anche della nostra memoria storica, col dar vita ad una generazione di miserabili ignoranti, con lo stroncare la produzione industriale al Sud, col tagliare il nostro prodotto interno, … non è che, per caso, siano stati in realtà loro ad influenzare negativamente noi?

Vorrei aggiungere, e concludo, la mia solita considerazione finale … senza speranza!

Ma perché diamine noi siciliani continuiamo a sceglierci una classe politica inetta?

Perché mai continuiamo a dare il nostro consenso a chi, della propria terra, se ne frega o, quantomeno, non dà dimostrazioni di senso contrario, se è vero, come è vero, che non ha la benché minima titubanza ad appoggiare proposte avanzate da chi, suo alleato, di tutto si preoccupa, fuorché del Sud e della Sicilia?

Lo so …, lo so …, non serve a nulla ripeterlo!

Alle prossime elezioni, per qualsiasi cosa esse si terranno, … ci sarà un esercito di siciliani imbecilli, … o forse faciloni, … o forse opportunisti, … o forse solo imbecilli, … l’ho già detto …, … ci sarà un esercito di siciliani … che voterà … secondo coscienza …!

Da siciliano innamorato della Sicilia, … la cosa mi indigna!

Sikeloi