- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Sciacca. Tre impianti fotovoltaici per 29 milioni di euro e i cittadini non sanno nulla …

E’ notizia di ieri che sul territorio saccense siano stati investiti ben  di 29 milioni di Euro per la realizzazione di 3 impianti fotovoltaici. I dettagli potrete leggerli in questo articolo pubblicato sul sito www.agienergia.it [1] ( clicca QUI [2] )

L’Associazione l’Altra Sciacca da sempre si batte per l’utilizzo delle energie alternative, ma purtroppo, come è già successo con l’eolico, in Sicilia fare energia pulita senza specularci e senza intervenire drasticamente sul territorio sembra una regola non scritta.
Dopo lo scempio delle pale eoliche posizionate in siti “inopportuni” che deturpano i nostri splendidi paesaggi ecco che arriva la notizia di 3 mega impianti fotovoltaici, pare, già installati sul nostro territorio.

A tutela della città e dei nostri concittadini, due domande sorgono spontanee:
1- Dove sono stati installati questi impianti fotovoltaici?
2- Quanti e quali benefici economici si riverseranno sul territorio saccense ? Insomma chi beneficierà materialmente di questo investimento?  Saranno, come al solito, i privati e alla città rimarranno le briciole o, peggio ancora, NULLA ?

Da anni Sciacca è diventata terra di conquista dove raramente si alza la voce, o si avverte la popolazione di quello che si sta installando e degli eventuali rischi che si corrono, senza avere mai sapere di quali benefici, in concreto, ne trarremo dai tanti investimenti già esistenti sul nostro territorio.

L’AltraSciacca ancora una volta alza la voce in nome di questa città, ritenendo che non sia ammissibile che tutto accada sopra la nostra testa senza che chi è informato sui fatti , ed ha l’obbligo di informare, ce ne dia preventiva notizia.

“Noi non sappiamo chi ha partecipato all’iter autorizzativo di tale impianti – continua l’Associazione –  ma chiunque esso sia ha il dovere di informare i propri cittadini di tutto ciò che accadrà sul nostro territorio, altrimenti non adempie ad un suo preciso mandato o, peggio ancora, concorre con chi ci vuol solo speculare”.