- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Pacco regalo natalizio ai cittadini … aumentano le tariffe dell’acqua?

acqua [1]E dopo il 66% di aumento della tariffa della TARSU a fronte di un servizio peggiore di quanto non fosse prima dell’avvento della potente macchina da guerra, senza munizioni, chiamata Aimeri Ambiente, ecco l’aumento della tariffa dell’acqua.Non c’è solo crisi nella giunta Carini, c’è anche un buco di sei milioni di euro di cui nessuno, a parte il Vice Sindaco e qualche consigliere di minoranza, ne sta parlando da qualche tempo.

Ma c’è anche altro. Veline riportano che l’amministrazione stia pensando ad aumentare le tariffe dell’acqua e il padre di questa proposta viene indicato nel Dirigente di Ragioneria, Fiocca.

Tutti quelli con cui abbiamo parlato , giunta e consiglieri, ci hanno risposto alcuni di aver sentito di questo proposta, altri di non saperne niente …

Strano.

L’aumento della tariffa dell’acqua se la proposta verrà alla luce, porterà inevitabilmente anche all’aumento della tariffa relativa alla depurazione delle acque.

I conti non tornano e il preannunciato aumento appare ingiustificato perché il Servizio Idrico è uno dei pochi settori del Comune che è in forte “avanzo” di gestione e le somme rimaste non vengono utilizzate, come dovrebbero, per l’implementazione della rete, specie quella di grossa capacità realizzata oltre venti anni fa e in vetroresina, che ha già superato il limite della sua operatività, ma vanno a coprire probabilmente tutte quelle attività che niente hanno a che fare con una sana e corretta amministrazione dei fondi pubblici. Ricordiamo che in due anni Carini ha impegnato oltre 260 mila euro per il festival di Chiare Lettere, un progetto pubblicitario della casa editrice, dei sui autori, dei suoi libri e del giornale di cui è azionista, ovvero Il Fatto Quotidiano…

E Marsala, vale la pena ricordarlo, fa pagare a tutti i cittadini, indistintamente, e cioè anche quelli non allacciati fisicamente alla rete fognaria, che peraltro serve solo parte del centro storico, il canone relativo al depuratore, mentre norme statali e sentenze della Corte Costituzionale, hanno stabilito il principio della corresponsione di un canone a fronte di un servizio …

E si parla di circa 1,3 milioni di euro che il Comune incassa ogni anno e circa 900 mila euro non dovuti.

A ciò, si aggiunge la questione della capacità dell’amministrazione di incassare quanto dovuto. L’evasione si aggira sul 35% del totale mentre non si sa quanti a Marsala sia allacciati abusivamente alla rete.