- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Catania. Il PRI discute sulla questione meridionale

La questione meridionale, mai sopita, tornata drammaticamente alla ribalta dopo le recenti decisioni del Cipe, ed ancora il tema della competitività. Su questi punti domani, sabato 27 novembre, a partire dalle ore 10,30 ci si confronterà al Hotel Nh Jolly Bellini di Catania tra i componenti del Pri siciliano.

Il Partito Repubblicano Italiano, con il suo coordinatore regionale Gino Calvo, intende interrogarsi al suo interno per dibattere le varie tesi congressuali in vista del congresso nazionale per il quale saranno eletti i delegati. Dalla Sicilia si intendono offrire importanti spunti di riflessione. Fitto il parterre degli interventi.

Dopo la relazione introduttiva dello stesso Calvo, interverranno Saverio Collura e Gianfranco Polillo, della direzione nazionale del Pri per occuparsi delle problematiche economiche nel Sud Italia, della strategie politiche per la competitività del Paese e, per l’appunto, della mai cessata questione meridionale.

L’avvocato Carmelo Giurdanella si soffermerà su di un tema di grande attualità, ovvero la problematica del Durc, il documento unico di regolarità contributiva che, a causa di alcune azioni assunte dalla Pubblica Amministrazione, rischia di trasformare il tracciamento dei pagamenti in un vero e proprio soffocamento finanziario per le imprese.

Infine concluderanno l’on. Francesco Nucara, segretario nazionale del Pri e Riccardo Gallo, della direzione nazionale. Affrontando dunque temi decisamente particolari, il Partito Repubblicano Italiano intende confrontarsi apertamente e per questo motivo sono già programmati gli interventi di Gianfranco Micciché, leader di Forza del Sud, di Domenico Nania e Giuseppe Castiglione per il Pdl, di Pippo Gianni per il Pid e di Gianpiero D’Alia per l’Udc. In attesa di conferma le presenze dei vertici di Mpa e Fli.

“Sarà un appuntamento speciale – commenta il coordinatore regionale del Pri, Gino Calvo – alla luce della presenza di tantissimi illustri ospiti e dei nostri vertici nazionali del partito. Il Pri sta crescendo al suo interno. In Sicilia stiamo portando avanti un impegno intenso, girando le varie province e offrendo strumenti per l’autogoverno del territorio. Poi, ci sarà la presenza degli ospiti degli altri partiti con cui svilupperemo un confronto aperto per sviscerare le problematiche locali a cui dare risposte”.