- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Sgarbi adesso litiga con Las Vegas anche per il museo della mafia

Cercasi musei ...

Cercasi musei ...

Vittorio Sgarbi non si smentisce. Dopo aver “inventato” il museo della mafia ecco che litiga con la città di Las Vegas, capoluogo della contea di Clark nello stato del Nevada (USA), rea di aver avuto la stessa bella pensata.

A proposito dell’annuncio dell’apertura di un museo della mafia anche a Las Vegas, Vittorio Sgarbi commenta così: «E’ solo una americanata. Il vero Museo della Mafia è a Salemi. Lo abbiamo ideato già nel 2008 io e Oliviero Toscani e il prossimo 11 maggio aprirà al pubblico. Quello di Las Vegas non potrà che essere un surrogato. Con gli americani ci dividono innanzitutto i soldi. Loro spenderanno 42 milioni di dollari, noi a mala pena 60 mila euro, di cui 15 mila messi dall’assessorato regionale ai Beni Culturali della Regione Siciliana, altri da sponsor privati e dal Comune. Poi i contenuti: il nostro non sarà certamente un museo celebrativo, ma di riflessione su ciò che è stata la mafia nel passato e su ciò che è diventata. Una antimafia non retorica».

E’ questione di primogenitura anche su come “ricordare” al mondo che esiste questo cancro.

Il pensiero ricorrente è che questo museo sia un inno alla mafia ma per far “ammuino” ormai non si guarda in faccia a nessuno e agli americani che hanno soldi da spendere, fiutato l’affare, sapranno come guadagnarci, mentre in Sicilia alla fine questa bella pensata sarà sostenuta con fondi pubblici …

Sarà anche una americanata, ma tutte e due i musei sembrano tante stupidaggini.

E quello di Salemi ci costerà anche per promuoverlo all’estero considerato che, come dice il direttore artistico Nicolas Ballario (c’è anche un direttore artistico !) “Una volta all’anno  sarà ospitato in un museo all’estero”.

Altro che Salemi prima capitale d’Italia …  

E intanto, considerato che si è sempre parlato di collusione tra mafia e politica, fa una certa impressione che sia il presidente della repubblica italiana ad … inaugurare il museo della mafia.

Come non ricordare i tempi quando Sgarbi affermava che la mafia non esiste e qualche tempo dopo Toscani (il suo assessore) registra il marchio m.a.f.i.a !!

Ora visto che non esiste, ecco anche il museo. Chissà se saà apposta anche una targa all’ngresso con su scritto: tutto quanto potete vedere è frutto di … leggenda.