- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Marsala. Con la TARSU Carini tenta lo scacco matto al Consiglio Comunale

Quello che a molti appare come un atto illegittimo, cioè l’aumento della TARSU con una semplice determina sindacale, potrebbe un escamotage dell’amministrazione per mettere sotto scacco il Consiglio Comunale.

Carini potrebbe aver pensato, io aumento la TARSU, i Consiglieri di maggioranza e di opposizione fanno fuoco di sbarramento, io ritiro la determina e propongo l’aumento con un emendamento in bilancio  e loro … lo bocciano. Et voilà, il gioco è fatto.

La Regione commissaria il Consiglio Comunale perché inadempiente, il commissario si guarda un po’ intorno, considera che dal 30 giugno la TIA sostituirà la TARSU e che quindi l’importo del servizio gestione rifiuti dovrà essere a carico dei cittadini “totalmente” e che fa? Approva l’aumento non dell’80% ma del 200% perché alla fine i circa 15 milioni di euro comporteranno questo aumento.  

Carini potrà dire. Io avevo proposto l’80% , l’avete bocciato e vi siete beccati il 200%. Adesso ditelo ai vostri elettori.

Qualcuno penserà che questa è fantapolitica e che Carini non aver escogitato una giocata così fine.

Forse, ma non dimentichiamo che il dirigente di Ragioneria è un certo Fiocca, e lui, “sa far di conti …”

L’unica cosa che però non può fare è far pagare l’aumento con le prossime cartelle perchè la tassa si riferisce al servizio relativo al 2009 e quindi questo aumento peserà nelle tasche dei cittadini con le cartelle del 2011 … proprio in piena campagna elettorale.

Uno scacco matto con ripercussioni serie per Carini.