- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Amianto marittimi. Le regioni unanimi chiedono un intervento legislativo

La Conferenze delle Regioni, su richiesta del Presidente della Regione Liguria,  ha approvato all’unanimità il documento che riguarda le rivendicazioni dei lavoratori del mare sulla questione amianto e proposta dall’USCLAC/UNCDiM.

 E’ significativa l’unanimità raggiunta sulla questione anche se bisogna ricordare che i presidenti più attivi ed interlocutori dei sindacati sono stati quelli di Regioni Liguria (di Burlando la lettera di richiesta di discussione), Friuli Venezia Giulia, con gli interventi dell’assessore  Alessia Rosolen che ha interessato il ministro Sacconi, e  lo stesso Presidente delle Conferenza dei Presidenti delle Regioni. 

Vanno pure ricordati i deputati che nel tempo hanno presentato interrogazioni parlamentari singolarmente (Rosato PD, Fedriga Lega Nord, Mondello UDC, Sesa Amici PD)  e quella del 23/03/2009 a firma di ben 34 deputati con collocazione politica trasversale (Rosato,Codurelli, Monai, Velo, Bossa, Mondello, Vico, Motta, Maran, Miglioli, Margiotta, Cristaldi, Giolietti, Lenzi, De Biase, Boffa, Siragusa, Gnecchi, Viola, Fiano, Schirru, Villecco, Calipari, Mastromauro, Lovelli, Mosella, Piffari, Tullo, Enzo Carra, Castagnetti, Trappolino, Sbrollini, Strizzolo e Rossa).

Anche IPSEMA ha espresso al Ministro Sacconi identica necessità di legiferazione in merito.

C’è infine da aggiungere che CONFITARMA, con la propria circolare n. 2 del 2009, ha dato indicazione agli Armatori propri aderenti di non rilasciare ai propri marittimi curriculum lavorativo ai sensi del D.M. 27/10/2004.

L’auspicio dei lavoratori e dei sindacati è che finalmente il Ministro Sacconi dia seguito con l’auspicato provvedimento che tutte le realtà Regionali e delle Province Autonome gli chiedono quale atto di giustizia sociale.

Non è pensabile che il governo possa continuare ad ignorare il problema, risolto per molti casi da sentenze esecutive emesse dai Tribunali, che hanno accolto il criterio validando gli estratti matricola mercantile rilasciati dalle Capitanerie di Porto in sostituzione del Curriculum Lavorativo come da D.M. 27/10/2004.