- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

A Marsala, i rifiuti volano liberi e leggeri accarezzati dal vento

14122009045webIl progresso si sa, impone scelte anche costose e Marsala, come altri comuni del trapanese che hanno aderito all’ATO 1 Terra dei Fenici, ha scelto consapevolmente di attuare la raccolta differenziata.

Ma succede che la tanto strombazzata raccolta differenziata si è dimostrata soltanto una raccolta diversa, con gli stessi problemi della precedente gestione comunale, con l’aggiunta che con la raccolta “differente” e a quando gli pare e come gli pare  (all’Aimeri, appaltatrice del servizio), i 21122009086web rifiuti, che “dormono per ore, ben oltre le ore di esposizione imposte dal Capitolato Speciale d’Appalto, a volte anche per giorni,  e scorazzano per le vie della città spinte con dolcezza dal vento, ora scirocco, ora libeccio oppure dal gelido maestrale.

Il risultato ? Una città piena di rifiuti “volanti”  con grave pregiudizio all’igiene ed alla sicurezza stradale, e mezzi dell’ATO1 Terra dei Fenici che tranquillamente fanno bella mostra di se lungo le strette stradine cittadine e in periferia, inconcludenti ed inquinanti.

14122009051webIl progresso si sa è costoso e impone ai cittadini un cambiamento radicale del loro costume di vita, ma quando si pretende rispetto delle regole ai cittadini, le istituzioni devono dimostrare di  avere la capacità di imporre a chi si aggiudica gli appalti pubblici a gestirli secondo quando stabilito nel contratto di appalto.

Ma in Sicilia, e l’ATO1 Terra dei Fenici non fa eccezione, le istituzioni sembrano sotto scacco delle società ed incapaci di pretendere rispetto degli accordi.

Fino ad oggi, risulta che solo il sindaco di Valderice a preso carta e penna e scritto una articolata lettera di contestazione, ma è una goccia nel silenzio generale dell’indifferenza di tutti gli altri comuni aderenti all’ATO, così che, l’Aimeri, fa come la FIAT, i suoi interessi…

Quale sarà il motivo di tanta inerzia istituzionale ?