- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

E la Sicilia ha il suo Lombardo “III”

In soli 18 mesi  di (non)governo, sarebbe meglio dire 15 visto che dopo le elezioni ha atteso ben tre lunghi mesi per varare la sua prima giunta, Raffaele Lombardo, l’autonomista apparente, rimescola le carte e forma la terza giunta regionale, questa volta di minoranza con l’appoggio esterno, ma non troppo, del PD che vede Rita Borsellino finalmente prendere la tessera sempre rifiutata… 

Un rimpasto ampiamente annunciato da mesi che vede soltanto l’allontanamento dei lealisti del PDL, Nino Beninati e Mario Milone che fanno riferimento a Schifani e Alfano, apparentemente perdenti, e che sono stati sostituiti da Pier Carmelo Russo e l’economista Mario Centorrino, in quota PD.

 Dopo tanto scalpore, viene confermato Armao e questo la dice lunga sul rinnovamento e sulla politica della trasparenza di Raffaele Lombardo. 

Come andrà a finire? Difficile fare previsioni. Di sicuro, è la Sicilia ed i siciliani a perdere ancora una volta. 

La casta feudale è sempre più chiusa nei castelli del potere e lotta la sua quotidiana battaglia per la sopravvivenza politica…