- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Rossitto: Raffaele Lombardo è un tattico che trae vantaggio dalla confusione e dalla dissoluzione

Elio Rossitto

Elio Rossitto

Raffaele Lombardo non ha rotto, politicamente parlando, soltanto con Salvatore Cuffaro, suo principale sponsor alla presidenza della Regione. Tra le persone a lui vicine c’era anche Elio Rossitto, suo principale consulente ed ideologo dell’MPA.

Una rottura fragorosa forse più di quella che è stata operata con il suo gemello politico perché tra Rossitto e Lombardo gli insulti e scambi d’affetto, almeno come afferma il primo, sono di quelli che lasciano il segno.

Rossito dà del pirata a Lombardo che ricambia affermando che “‘Se conosci Elio lo eviti”. Insomma, più che fiorettata sembrano proprio cannonate che, per quanto riguarda Lombardo, minano, se mai ce ne fosse ancora bisogno, la credibilità politica dell’attuale inquilino di Palazzo D’Orleans, e questo al di là delle ragioni di questa ulteriore e clamorosa rottura.

Lombardo è, secondo Rossitto, uno straordinario tatticista il cui unico scopo è la gestione del potere in una concezione assolutistica, passando per la paralisi dei sistemi di potere dei suoi avversari – Schifani, Alfano, Firrarello – del Pdl

Il giudizio complessivo del professore su Lombardo è ancora più esplicito e tagliente: «È uno che ti fregherà sempre, uno straordinario pirata. Ma lo Lombardowebautonomiadico con affetto. Raffaele è uno straordinario tattico che trae vantaggio dalla confusione e dalla dissoluzione. Lombardo. Ha dato l’ idea di essere un risanatore paralizzando il sistema di potere altrui»”.

E per per governare (si fa per dire) questo processo ha dovuto creare un movimento personale che Rossitto non esita a definire “un manipolo organizzato, senza un ceto dirigente”.

Sembra il quadro della decadente politica siciliana dal rinascimento italiano, è sempre stata assetata di potere ma sempre vassalla del potere italiano.

Il quadro politico siciliano è deludente perché deludenti sono gli uomini che lo compongono. Feudale, politicamente incapace ed indecente, la casta siciliana in questi ulitmi decenni sta mostrando il peggio di se.

Ed ancora non abbiamo raggiunto il fondo …