- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Enna. Il ministro Alfano al Procuratore Capo di Enna che chiede personale: “se non se la sente si goda la meritata pensione …”

magistratiE già. Anche questa è politica e lotta alla mafia. Al grido d’allarme che arriva dal Procuratore Capo della Repubblica che comunica che Enna dalla prossima settimana rimarrà senza magistrati perché uno dei due attualmente in servizio nel capoluogo, dei quattro che dovrebbe avere come organico minimo, andrà in pensione mentre l’altro andrà in ferie per un lungo periodo, circa cento giorni, per accumulo di ferie e straordinari, il ministro Alfano non ha trovato di meglio che risponderein modo stizzito e senza costrutto.

La grave situazione è stata rappresentata dal Procuratore Capo Calogero Ferrotti al guardasigilli Alfano, dopo che per ben tre volte, e senza risultato,  aveva sollecitato la Procura Generale di provvedere in merito.

Disarmante, stizzita e riteniamo anche offensiva, e la risposta del Ministro: “Assicuro e garantisco che Enna non resterà scoperta. Il sostituto che è stato trasferito sarà rimpiazzato. Mi auguro che magistrati solerti, che hanno il senso delle istituzioni, chiedano di essere destinati a Enna. Ho già fatto presente a Ferrotti – ha aggiunto– che amministrare la giustizia è compito difficile e quindi, se non se la sente, è meglio che si goda una meritata pensione. Io chiederò al Csm l’immediata nomina del nuovo procuratore”.

Il magistrato afferma il ministro sarà sostituito. Già ma quando ? Poi chiede ai magistrati solerti e che hanno il senso delle istituzioni di … chiedere di essere destinati a Enna. Ed infine, la ciliegina sulla torta, al Capo della Procura che chiede personale gli consiglia di andare in pensione e, guarda caso, … chiederà al CSM l’immediata nomina del nuovo procuratore!

A Caltanissetta, in occasione dell’incontro con i magistrati del capoluogo nisseno, il ministro Alfano ha dato ampia dimostrazione di come il governo in carica intende garantire sicurezza e legalità e la lotta alla mafia nell’Isola.  

Amministrare la giustizia è difficile e chi non se la sente a lavorare così, pare di capire come dimostra di fare il governo Berlusocni, vada in pensione …