- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Miccichè: è scissione. Già ma da chi ?

ARSE finalmente Gianfranco Miccichè ha ufficializzato quella scissione da tempo annunciata. E’ nato il PDL Sicilia però ancora nessuno ha chiarito che cosa è questa nuova creatura e forse neanche Miccichè è consapevole delle conseguenze che potrà portare in Sicilia.Oggi può vantare un buon numero di parlamentari che con Dore Misuraca e Pippo Scalia dovranno stabilire cosa vorranno fare da grandi.

Realisticamente è impensabile che tutto questo gran can sia stato fatto per creare un nuovo gruppo all’ARS o per creare una corrente siciliana all’interno del PDL berlusconiano.

Miccichè dichiara che non sta facendo acquisizione di potere e, contraddicendo la sua aspirazione scissionista, si auspica che Berlusconi e Fini prendano direttamente in mano la situazione e diano le direttive a tutti.

Ciò permetterebbe di risanare la situazione nell’Isola. La cosa ci riporta alla domanda iniziale. Ma allora che scissione è se poi si invoca la presenza dei capi per risolvere la situazione?

Questo PDL Sicilia appare il mezzo, rifacendoci alle parole di Miccichè quando affermò che il partito del sud non era l’obiettivo ma il mezzo …, per risolvere controversie feudali e quindi stabilire primati di potere sull’Isola.

Miccichè afferma “  Siamo qui per vedere quello che succederà, è una novità per tutti. Noi non siamo avventurieri, abbiamo iniziato una avventura importante per la Sicilia. C`è voglia di fare politica seria senza andare appresso ai matti».

E questa affermazione dovrebbe far riflettere a tanti politologi. Come è possibile iniziare un percorso per … vedere cosa succederà?

Se qualcuno inizia un percorso vuol dire che ha in mente un progetto ma Miccichè sta dimostrando di non avere alcun progetto se aspetta di vedere cosa succederà.

Noi abbiamo più volte ripetuto che alla fine il progetto di Miccichè sia quello di prendere il posto di Lombardo, in modo diretto o indiretto. Ci sbaglieremo ma a differenza di Miccichè noi possiamo dire, aspettiamo cosa succede …