- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Palermo: la nuova Venezia. Quando la pioggia manda in tilt la città.

gondolaDa qualche settimana i palermitani protestano a gran voce affinché qualcuno decida di porre fine allo scenario “veneziano” che si ripropone ogni qual volta si verifichi un temporale in città.

 Le principali arterie stradali diventano veri e propri fiumi.

 Sconcertante la situazione che si presenta puntualmente agli automobilisti che si immettono in una delle vie principali della città, viale Regione Siciliana,puntualmente sommersa  dall’acqua.

 Decine e decine di palermitani hanno dovuto fare i conti con le solite “piscine” che si formano in seguito alla pioggia sotto ai ponti di Viale Lazio e Via Belgio. 

Macchine distrutte,traffico paralizzato per ore ed ore,black-out in diversi quartieri,tombini che saltano come se fossero in preda alla furia esplosiva di una bomba. 

Nel quartiere di Partanna Mondello la situazione è gravissima. Diversi giorni fa molte persone sono state costrette a  scendere in strada in piena notte e provvedere da sole alla rimozione dei tombini, onde subire  danni alle proprie abitazioni,minacciate  da un vero e proprio lago , alto circa 40 cm,  formatosi poco dopo la piazza principale del quartiere. 

Anche in internet girano video che documentano il caos in cui versa Palermo.

C’è persino chi fa sci nautico “on the road” nei pressi del noto Hotel Palace a Mondello o chi attraversa la strada sopra ad un gommone da mare per bambini. 

Dalle strade cittadine a Facebook, un unico coro di voci si solleva e urla : -“Cammarata dimettiti !!!! “- 

I cittadini sono stanchi della cattiva amministrazione della città e chiedono adeguati interventi prima dell’inizio dell’inverno. 

Evidentemente non bastava essere sommersi dai rifiuti…adesso anche dall’acqua!

E per una Palermo che vuole candidarsi ad ospitare le olimpiadi del 2020 la situazione non promette di certo bene.

Sabrina Guttuso