- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Napolitano: si facciano cose serie. Matteoli, il pontista insiste. I lavori del ponte a gennaio. Anche se ancora mancano i soldi …

[1]Per una volta bisogna dire che il presidente della Repubblica italiana ha detto cose “siciliane” e cioè che in Sicilia servono cose serie e non opere faraoniche. “O c’è un piano serio che, piuttosto che in opere faraoniche, investa sulla sicurezza in questo paese o si potranno avere altre sciagure” , parole di Napolitano.

Cose serie e non opere per faraoni e vassalli dei faraoni che vivono di luce riflessa del grande timoniere. Opere serie e non opere faraoniche per gli interessi delle lobbies del cemento e della finanza speculativa.

Viene però subito il sospetto che queste dichiarazioni “sensate” siano solo le solite affermazioni istituzionali che tenterebbero di far dimenticare che Napolitano è in politica da decenni ed allora viene spontaneo chiedergli: “ma lei fino al momento in cui è salito al Quirinale, che cosa ha fatto per il sud e per la Sicilia?”.

Niente. Ha svolto il suo compito di burocrate del PCI prima e successivamente del PDS, e quindi del PD e nel frattempo ha anche ricoperto la carica di presidente della Camera e ministro per l’interno e prima di divenire presidente è stato pure nominato senatore a vita, vergognoso privilegio settecentesco e monarchico.   

A Napolitano replica il Ministro Matteoli che “Spero che al massimo per gennaio, i primi lavori a terra, per la costruzione del ponte, possano partire, spero anzi che il via possa esserci già a dicembre”.

Insomma. L’opera faraonica che ancora oggi non ha alcuna copertura economica e che illustri ingegneri mondiali affermano essere una pazzia, deve cominciare.

Deve cominciare lo spreco di denaro pubblico per un’opera che comunque non si farà mai, ma nel frattempo non pare che il presidente Napolitano abbia mai sollevato il problema del finanziamento.

Di norma un’opera si comincia quando ci sono i soldi in cassa. Con il ponte invece si violano le più elementari regole di buona amministrazione e si fa cominciare i lavori a terra (?) senza i finanziamenti. Si va per stati d’avanzamento. Così, tanto per speculare.

Come si fa a dire di no al grande timoniere?