- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Nucleare. Toscana, Calabria, Liguria e Piemonte impugnano la legge 99/2009 avanti la Corte Costituzionale, e la Sicilia ??

[1]Greenpeace, Legambiente e WWF fa sapere che le regioni Calabria, Toscana, Liguria e Piemonte che hanno impugnato di fronte alla Corte Costituzionale la Legge 99/2009 con cui il Governo cerca di far tornare l’Italia nell’errore nucleare scavalcando le competenze delle Regioni e la volontà dei cittadini residenti. (fonte Legambiente).

La delega nucleare al Governo prevista dalla Legge 99/2009 mette fuori gioco le Regioni sulla localizzazione degli impianti nucleari per la produzione dell’energia elettrica, sugli impianti per la messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi o per lo smantellamento degli impianti nucleari, in contrasto con quanto stabilito dal Titolo V della Costituzione sui poteri concorrenti delle Regioni in materia di Governo del territorio e sul rispetto del principio di leale collaborazione. 

 In base a questa valutazione, Greenpeace Italia, Legambiente e WWF Italia, con una lettera dell’11 settembre scorso inviata ai Governatori e a tutti gli assessori competenti, hanno chiesto l’impugnazione di fronte alla Corte Costituzionale della norma contenuta nella legge 99/2009.

“Il fatto è particolarmente grave perché si vuole così scavalcare completamente non solo le Regioni ma anche gli enti locali per localizzare impianti e aree, equiparate ad aree militarizzate, gestite da privati”. 

Nei criteri e nei principi che improntano la delega al Governo infatti, rilevano gli ambientalisti, l’intesa con la Conferenza Unificata, a cui partecipano le Regioni e gli enti locali, è chiesta solo per la costruzione e l’esercizio degli impianti e non per la localizzazione che viene quindi avocata al solo Governo. Gli ambientalisti nella loro lettera agli amministratori regionali citano, a sostegno dell’impugnazione, almeno quattro sentenze della Corte Costituzionale (Sentenze n. 242, 285 e 383 del 2005 e n. 247 del 2006) in cui si ribadisce l’ineludibilità delle intese tra Governo e Regioni quale pieno riconoscimento della funzione amministrativa delle Regioni su materie in cui queste esercitano il loro potere legislativo concorrente. 

Ed allora attendiamo che il governo “autonomista” di Raffaele Lombardo si attivi di conseguenza almeno per rivendicare l’autonomia visto che anche per il rigassificatore di Porto Empedocle si è chinata la testa chiedendo “somme compensative” e compensi per lo sfruttamento del suolo, l’ambiente e la vita dei cittadini.

Al di là di queste considerazioni giuridiche che riguardano il rispetto e la salvaguardai delle prerogative e le autonomie locali, non va sottaciuto che i cittadini italiani, 22 anni fa,  sono stati chiamati a decidere sul nucleare e hanno detto NO. 

Dov’è finita la sovranità del popolo ?