- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Dense nubi nere su Tirrenia. Grandi Navi Veloci la vuole in “noleggio”

[1]Secondo alcune dichiarazioni che il  Settimanale “Guida Viaggi” precisa essere state rilasciate dal Presidente ed A.D. della Compagnia GNV (Grandi Navi Veloci) , Silvano Cassano, a Sole 24 Ore, GNV avrebbe intenzione di “noleggiare”  la Società Tirrenia (escluso le Società Regionali … ovviamente)  con contratto “time charter” con la previsione di acquisto al terzo anno di noleggio. 

Una proposta quella di GNV, sempre che alle dichiarazioni attribuite al Presidente Cassano seguano atti formali,  che eluderebbe la partecipazione alla prevista gara di acquisto e renderebbe del tutto inutile l’elaborando bando di gara da parte di Fintecna e del Governo. 

Secondo UIL Trasporti, la proposta di GNV appare del tutto oscura ed inverosimile anche in considerazione che il gruppo non richiederebbe neanche un centesimo allo Stato per garantire gli attuali livelli di servizio pubblico (compreso le tratte sociali), a cui dovrebbe assoggettarsi rinunciando anche alle previste e necessarie sovvenzioni che il Ministro dei Trasporti Altero Matteoli, ha preannunciato saranno garantite anche dopo la privatizzazione di Tirrenia. 

E dubbi ed incredulità esprime anche U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. che ritiene inverosimile la proposta di G.N.V. di voler operare senza il concorso economico dello Stato, garantito dal Ministro a dopo la privatizzazione per il mantenimento delle tratte sociali.L’ U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M., ritiene che essendo stato ieri l’ultimo giorno del calcio mercato, è inevitabile accostare la notizia di stampa alla pratica delle cessione di un calciatore in prestito a titolo gratuito con opzione di riscatto del cartellino. Ma l’ U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M.  è occupata in una vicenda che riguarda l’occupazione ed il reddito di migliaia di famiglie, comparto ed indotto, e la certezza della mobilità tutto l’anno da e per le isole ovvero la continuità territoriale dello Stato. 

Nessun commento da parte del Ministero ma i dubbi che la estemporanea proposta di GNV. Sotto inchiesta da parte dell’Antitrust per abuso di posizione dominante, possa avere come “soluzione finale”, lo smantellamento di Tirrenia, vengono dall’attuale situazione del gruppo che appare tanto solida da poter essere in grado di gestire Tirrenia per un suo rilancio…

Nel 2006 le banche creditrici hanno convertito in “azioni”  il credito vantato da GNV. 

E di proposte da ultimo giorno di calcio mercato non ne mancano visto che l’assessore regionale al turismo, Strano, ha lanciato l’ipotesi di “acquisire” Siremar per poi …privatizzarla. 

Tutto questo movimento estemporaneo rischia di mettere in moto operazioni per nulla trasparenti con il risultato che Tirrenia, dopo essere stata per anni utilizzata dallo stato come “ente” sociale per salvare ora questo settore ora quell’altro della cantieristica italiana e qualche società che doveva realizzare operare con proprie navi il servizio delle autostrade del mare, di smembrare un gruppo e destinarlo al fallimento con le conseguenti e gravi ricadute sociali ed economiche per lavoratori ed indotto.