- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

La scure del Comune di Messina sui 190 ex articolisti

[1]Lo stato di precariato senza fine degli ex articolisti del Comune di Messina. Attualmente sono  impegnati per 24 ore settimanali, ma presto (SETTEMBRE), le ore potrebbero ridursi a 18 incidendo negativamente di ben 200€ nei già miseri bilanci familiari, infatti, l’integrazione oraria di 6 ore settimanali era stata disposta dalla giunta Buzzanca fino al 31/08/2009 con l’impegno di prorogarla per tutto l’anno 2009 allo scopo di garantire una omogeneità di trattamento tra tutto il personale  precario,  proroga che purtroppo ancora oggi non è arrivata. 

L’impegno dell’amministrazione era quello di estendere le 24 ore settimanali a tutto il personale articolista che a Palazzo Zanca somma 301 unità di cui 111 già da tempo  con contratto a 24 ore settimanali.

 Agli impegni assunti, di fatto stanno seguendo provvedimenti che vanno in tutt’altra direzione: diminuendo di 6 ore l’impiego di questi lavoratori che da tredici sono impiegati al Comune supplendo a carenze professionali e strutturali. 

Immediate e gravi le ricadute sui bilanci familiari, di per sé già magri.

Un ulteriore schiaffo ai precari che con spirito di sacrificio prestano 24 ore di servizio settimanali garantendo uffici e sportelli aperti. 

Quali invece le attese che sembravano ormai a portata di mano?

Un incremento delle ore settimanali , 36 nel complesso, rispetto alle quali invece si registrano decisioni che allo stato attuale vanno in direzione opposta: dalle 24 ore assicurate alle 18 che adesso gli ex articolisti sono chiamati a fornire. 

Da qui la proclamazione dello stato di agitazione e la richiesta al Sindaco di un incontro che consenta di delineare un quadro di serenità e trasparenza anche in merito ai poteri speciali del Sindaco, all’emergenza traffico ed alle consequenziali domande presentate entro il termine di scadenza del bando  (20/10/2008) riservato per l’appunto al personale precario per il passaggio degli ex-articolisti nel Corpo di Polizia Municipale,  e soprattutto per tracciare le linee guida alla stabilizzazione del personale precario, così come deliberato all’unanimità dal Consiglio Comunale in data 18/12/2008 e come già concretato da altre realtà Siciliane.