- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Al Presidente dell’ANAS, Ciucci, sfugge di mano … il ponte dei sogni berlusconiani

[1]E rimane con un pugno di … sabbia. Neanche qualche giorno fa Pietro Ciucci, Presidente della Società ANAS e  Amministratore delegato della Società Stretto di Messina, aveva dichiarato che “l’obiettivo di avviare i lavori del ponte sullo Stretto di Messina entro il 2016.”  E questo, secondo Ciucci, si deve grazie al fatto che il governo ha deciso di nominare un commissario … che, secondo il decreto anticrisi, sembrava essere è proprio lui.Una dichiarazione che smentiva quella del Ministro Matteoli che invece indicava la data del 2016 come data di ultimazione de ponte.  Un po’ di confusione non guasta mai  quando si parla di opere così costose ed inutili.

Ma da cosa scaturiva la soddisfazione di Ciucci. Molto probabilmente dal fatto che nel decreto anticrisi (?) era inserita una norma che di fatto “indicava” l’attuale amministratore delegato, cioè Ciucci, come  commissario straordinario per il ponte sullo stretto.

Con il decreto bis, cioè quello correttivo, la previsione che l’attuale amministratore delegato della società Stretto di Messina Piero Ciucci venga nominato commissario straordinario per il ponte sullo Stretto, è stata cancellata e sostituita una generica previsione.

Il decreto bis si prevede che dovrà essere nominato “un commissario” e non che il commissario sia l’attuale amministratore .

Secondo quanto indicato nella relazione tecnica che accompagna il decreto, ciò è stato fatto per  “evitare il possibile equivoco interpretativo legato alla circostanza secondo la quale un intervento volto ad assicurare l’avvio delle attività connesse alla realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina potesse essere ricondotto esclusivamente alla nomina in qualità di commissario delegato dell’attuale amministratore delegato alla società Stretto di Messina spa”.

Di certo qualcosa è cambiato, e a Ciucci probabilmente resterà un bel plastico del ponte piazzato sul suo tavolo di Presidente dell’ANAS, e un bel pò di sabbia tra le mani.