- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Federazione fra il Movimento Agricolo Europeo e il Movimento per l’indipendenza per la Sicilia

[1]Una delegazione del Movimento Agricolo Europeo guidata [2]dal segretario Ignazio Ardagna ha incontrato ieri una delegazione del Movimento Indipendentista Siciliano guidata dal presidente Salvatore Musumeci per discutere l’attuale situazione politica ed economica siciliana.L’incontro è stato molto proficuo ed alla fine si è convenuto di iniziare un percorso politico collaborativo tra il Movimento per l’Indipendenza della Sicilia ed il Movimento agricolo Europeo anche in considerazione che il programma politico dei due movimenti ha come obiettivo primario l’autodeterminazione dell’Isola.

Politicamente l’accordo si può definire una vera e propria federazione che porterà il Movimento Agricolo Europeo a partecipare al prossimo convegno regionale del MIS a cui si auspica la partecipazione di tutti i gruppi autonomisti e indipendentisti siciliani così da proporre una piattaforma politico sociale ai siciliani che continuano ad essere raggirati dall’attuale classe politica e costretti come da sempre ad essere condizionati dalla forte politica economica del nord.

Secondo il MIS e il MAE, è’ giunta l’ora per i movimenti che si richiamano all’autonomia ed agli interessi della Sicilia di  mettere definitivamente da parte ogni personalismo per mettersi al servizio della Sicilia.

Nelle prospettive politiche del MIS e MAE non albergano mire di cooptazione, ma un progetto serio di federazione dei movimenti autonomisti per un progetto politico unitario nella diversità di idee.

E’ l’unità che fa la forza e per troppo tempo i movimenti indipendentisti e autonomistici sono rimasti senza alcuna visibilità,  stelle in un immenso firmamento. Salvo Musumeci, presidente del MIS e Ignazio Adragna, Presidente del MAE, concludono affermando che ” per oltre sessanta anni, troppo tempo,  abbiamo fatto il gioco della politica nazionale che ha fatto di tutto, riuscendoci, per impedirci di coagulare le nostre forze”.