- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Alitalia CAI e Lombardo, un amore impossibile per … troppi ritardi

Punto e accapo. Dopo i disagi registrati e denunciati nei mesi scorsi, la lettera inviata al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e al ministro dei trasporti Altero Matteoli, nulla è cambiato.Il presidente della  regione Siciliana, esasperato, per l’ennesimo ritardo che gli impedisce di rientrare in Sicilia, dove aveva già in programma una serie di attività istituzionali,  ha dato mandato all’avvocatura della  regione di avviare un’azione risarcitoria nei confronti della Compagnia Area Italiana.

“Nonostante le rassicurazioni i  ritardi e le cancellazioni inspiegabili dei voli della Cai dall’aeroporto di Roma per la Sicilia si susseguono con cadenza quasi quotidiana creando difficoltà ai cittadini siciliani che si vedono costretti a lunghe attese e a disagi intollerabili in un paese civile. Per tale motivo – ha detto Lombardo –  non accetteremo più scuse e rassicurazioni”.

Lombardo sta constatando personalmente come la Sicilia viene tenuta in considerazione dalla compagnie aeree nazionali e non.

Certo per un presidente di regione il ritardo può significare spostamenti di incontri istituzionali e qualche convengo in meno ma, e questo è da precisare, i continui ritardi e disservizi che “TUTTE” le compagnie aeree in Sicilia attuano con quotidiana regolarità danneggia fortemente l’economia dell’Isola e nel e personale, specie per quanti ancora oggi malgrado la “grande” riforma della sanità siciliana sono costretti a “volare” al nord o in Europa per curarsi, a volte significa anche avere compromessa la propria esistenza perché non si giunge in tempo per una operazione o per un controllo di ruotine impossibile effettuarlo in Sicilia.

Lombardo dovrebbe seriamente a riconsiderare la sua posizione di presidente della regione e fare come o presidenti di regione del nord Italia che “si impongono” per la tutela dei propri cittadini.

Inviare lettere a Berlusconi o a Matteoli non serve, serve far valere la propria autorità nell’Isola, lo STATUTO gline dà molta di autorità, basta esserne cosciente e capace.