- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

SANITA’. A Palermo nuovo laboratorio di diagnostica integrata oncoematologica e manipolazione cellulare

Il viceministro alla Sanità, Ferruccio Fazio, il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, e l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, hanno inaugurato oggi il nuovo laboratorio di diagnostica integrata oncoematologica e manipolazione cellulare i cui locali si trovano all’interno del padiglione B dell’azienda ospedaliera Vincenzo Cervello di Palermo.Il laboratorio, diretto dalla biotecnologa Alessandra Santoro e molto attivo anche nell’attività di ricerca, si avvale dell’integrazione di differenti tecnologie per offrire una caratterizzazione biologica quanto più completa delle patologie oncoematologiche. I moduli del laboratorio sono innovativi per tecnologia applicata e ricerca sperimentale che al loro interno viene condotta.

La struttura comprende laboratori di: manipolazione cellulare, operanti secondo le linee guida internazionali  (Fact-Jacie), interamente dedicati alla terapia cellulare per i trapianti di cellule staminali,  genetica molecolare per la diagnosi ed il monitoraggio di marcatori molecolari associati alle leucemie, immunologia cellulare per l’identificazione del “lineage” dei blasti leucemici e per la caratterizzazione delle cellule staminali. 

Con il trasferimento nei nuovi locali, il laboratorio ottiene il riconoscimento di 20 anni di attività di supporto diagnostico alla divisione  di ematologia e al centro trapianti di midollo osseo dell’azienda ospedaliera Vincenzo Cervello e di contributo dato allo sviluppo dell’attività scientifica del gruppo.

La nuova struttura consentirà di sviluppare nuove applicazioni nel campo della medicina moderna quali la terapia “molecolare” personalizzata e l’impiego di  terapie cellulari nell’ambito della medicina rigenerativa. Significative ed avanzate sperimentazioni sono condotte in tal senso nella cura delle affezioni cardiologiche mediante il reimpianto di cellule staminali a pazienti infartuati, e nell’ambito delle problematiche legate alla resezione polmonare.