- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Lombardo lancia accuse di ascarismo. E’ come se il bue dicesse “cornuto” all’asino

L'Ascaro [1]

L'Ascaro

I contrasti insanabili all’interno della maggioranza, soprattutto tra Pdl e Udc e il partito autonomista Mpa, che corre alle europee in un cartello elettorale con La Destra di Storace e altre liste minori, sono alla base della profonda crisi in atto che appare ben lungi dal poter essere risolta.

L’anomalia della richiesta di dimissioni ai suoi assessori, dà la netta impressione che al di là della “trovata” dell’azzeramento, Lombardo non abbia idea di come riuscire a portare avanti la legislatura.

L’aver poi revocato la delega agli assessori che non hanno recepito l’invito a dimettersi, cioè Antonello Antinoro (beni culturali), Pippo Gianni (industria), Carmelo Incardona (lavoro), Giovanni La Via (agricoltura), Francesco Scoma (famiglia), ed aver confermato Massimo Russo alla sanità e Giovanni Ilarda alla Presidenza, dimostrerebbe che il Presidente della Regione si sia messo a giocare una partita a scacchi che potrebbe metterlo seriamente in difficoltà.

Lombardo afferma che il suo governo è il peggiore degli ultimi 50 anni, e qui è difficile dargli torto visto come ha risolto il problema ella sanità e come ha “occupato” tutti i posti di potere con propri uomini, ma precisa che lo è “per i parassiti, gli ascari, e gli sfruttatori”. 

Ora è facile che i parassiti e gli sfruttatori di cui parla Lombardo, si imbarchino in un nuovo “progetto” che di politico è difficile che possa avere qualcosa, ma gli ascari …. 

Se nel “suo governo” non vuole ascari, Lombardo dovrebbe dare senso ed onore alla sua famosa dichiarazione di Bari (2005) e presentarsi a Sala D’Ercole con le proprie dimissioni, perché lui è il primo ascaro del suo governo, per sua stessa ammissione. 

E’ facile per noi ricordare come solennemente affermò che “non ci alleeremo né con la destra né con la sinistra, se lo facessimo la gente non capirebbe e ci chiamerebbe ASCARI. 

A distanza di nemmeno 4 anni, Lombardo paga duramente le sue “colpe” per l’alleanza solennemente negata. 

E la lista degli ascari è lunga, e per stessa ammissione dell’attuale Presidente, appartengono tutti al suo movimento …