- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Mauro Rostagno, secondo la magistratura ucciso dalla mafia

[1]Sembra sollevarsi la cortina grigia che per due decenni ha coperto l’omicidio Rostagno anche se rimangono forti dubbi sul “movente”  e sui veri mandanti.

A termine della lunga inchiesta della Polizia di Stato che ha portato alla conclusione il 26 settembre 1988, Mauro Rostagno, giornalista e fondatore della Comunità Saman,  fu ucciso per ordine dei boss locali, Il gip del tribunale di Palermo, Maria Pino, ha emesso due ordini di custodia cautelare su richiesta dei pm della Dda, Antonio Ingroia e Gaetano Paci., a carico di  Vincenzo Virga, già capo del mandamento di Trapani, detenuto a Parma, indicato come il mandante, e Vito Mazzara, accusato di essere l’esecutore materiale, anch’esso detenuto nel carcere di Biella.

L’inchiesta quindi, ha dato un direzione precisa verso l’omicidio di mafia escludendo ogni sospetto sulla pista interna alla Comunità Saman, ma considerate le inchieste che Rostagno portava avanti e che riguardavano anche il traffico d’armi, rimane sempre il dubbio che possa essere stato un omicidio di mafia, ma su commissione.